Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Politica

Sei aree per prevenire l'inquinamento acustico

Le commissioni Ambiente e Territorio affrontano il tema dell'inquinamento acustico, illustrando le modifiche al regolamento rese necessarie dalle nuove leggi e dalla variante al Piano Regolatore
ALESSANDRIA - L'inquinamento ha diverse facce. Una delle più sottovalutate e spesso dimenticate è quella relativa al fattore acustico: rumori, più o meno invadenti, più o meno dannosi, che quotidianamente fanno parte della nostra vita e diventano, a tratti, sopportabili. Le commissioni Ambiente e Territorio hanno deciso di riunirsi, proprio per fare il punto sulla questione 'inquinamento acustico', anche in relazione alle nuove leggi emanate in materia e alla recente modifica della variante al Piano Regolatore.
"La classificazione acustica - ha spiegato l'assessore Claudio Lombardi - è un valore fondamentale per preservare alcune zone. Le sei categorie individuate permettono di classificare le aree, seguendo il modello del 2002 ma aggiornandolo anche in rapporto alle modifiche legislative e di piano regolatore. Il piano, così com'è oggi, non ha ricevuto critiche né dagli enti, che per altro hanno collaborato alla stesura tramite discussioni e confronti, né dai cittadini: aspettiamo dunque di portarlo in Consiglio Comunale". "Due sono gli obiettivi - chiarisce il dirigente Pierfranco Robotti - da un lato la prevenzione del deterioramento delle aree, dall'altro il risanamento delle zone a rischio troppo elevato. Fino a poco tempo fa - prosegue - la considerazione per l'inquinamento acustico era scarsa. Oggi si tratta di un atto tecnico e politico che si collega al piano regolatore e diventa strumento imprescindibile per scelte oculate e responsabili, in unione con il nuovo codice della strada. Di fatto, una classificazione acustica permette di conoscere i valori massimi di rumorosità a cui attenersi, in un'ottica di pianificazione e di eventuali interventi mirati".

Uno strumento dinamico che deve necessariamente essere modificato con l'avanzare degli anni e delle tecnologie: il piano del 2002, variato, non poteva che tener conto dei cambiamenti degli insediamenti urbanistici ed industriali, oltre che dell'evoluzione in termini di strumenti di tutela e prevenzione dall'inquinamento acustico. Sei le classificazioni, organizzate in modo tale da non avere (salvo eccezioni inevitabili) incongruenze nella tutela delle aree:
  • Area 1 (massimo 50 dB diurni, 40 db notturni): rientrano in questa zona gli ospedali e le strutture di cura con degenze, le scuole, i cimiteri e, più in generale, le zone che richiedono una particolare quiete.
  • Area 2 (massimo 55 dB diurni, 45 dB notturni): per le zone prevalentemente residenziali
  • Area 3 (massimo 60 dB diurni, 50 dB notturni): la zona più ampia, di tipo misto
  • Area 4 (massimo 65 dB diurni, 55 dB notturni): area di intensa attività umana, con insediamenti produttivi artigiani ed esercizi commerciali
  • Area 5 (massimo 70 dB diurni, 60 dB notturni): area prevelentemente industriale
  • Area 6 (massimo 70 dB diurni, 70 dB notturni): area esclusivamente industriale
"La velocità del rumore, in un'ottica di tutela, è quella del vagone più lento - commenta Piercarlo Fabbio (Pdl) - come tuteliamo le aree più complesse, penso ad esempio a quelle centrali in cui accanto ad una scuola si trova, ad esempio, un locale che fa musica? E come ci si rapporta, ad esempio, a realtà come quelle che indubbiamente nel 1995, anno in cui affonda le radici questo regolamento, non c'erano? Penso a zone come alla Clinica Città di Alessandria, che necessita di un evidente silenzio e attorno alla quale sorgono impianti sportivi, residenze, aree commerciali, unite da un solo asse viario, alla base dell'inquinamento acustico. Quando si è pensato di costruire qui la struttura non c'era nulla di tutto ciò: a chi spetta il compito di tutelare queste aree?" "La valutazione dell'area e dell'inquinamento acustico esistente - spiega l'architetto Robotti - spetta a chi decide di costruire in un determinato terreno: di fatto, il clima acustico va considerato prima del trasferimento e, in questo senso, ognuno difende e tutela sé stesso. Anche le aziende, in questo senso, devono considerare la conformità delle proprio emissioni sonore".

E a proposito di aziende, "come si classifica il polo chimico di Spinetta Marengo, area delicata e, indubbiamente, caratterizzata da una disomogeneità a livello di coesistenza di abitazioni e industria?" chiede Francesco Di Salvo (Pd). "Solvay - chiarisce Robotti - ha una fascia di cuscinetto ma in questo caso, per tutelare il cittadino ed i suoi diritti, si è forzata l'interpretazione normativa, chiedendo di sopportare, per assurdo, rumore, ai fini di non creare danno all'utenza rendendo, di fatto, l'area bloccata".

"Ci son stati campionamenti, valori fonometrici effettivamente registrati? - domanda Domenico Di Filippo (M5S) - Il mio timore è che i numeri di riferimento del 1995 non valgano più per una realtà attuale, così cambiata". "I sopralluoghi sono stati fatti - spiegano i tecnici - al tempo della redazione della prima documentazione. Ora si è lavorato per verificare quelle aree più particolari, ma non è stato necessario intervenire oltre, dal momento che si tratta di lavori di revisione. Soltanto i dubbi richiedono una nuova valutazione, per evitare ridondanze".

"Questo adeguamento - conclude l'assessore Lombardi - è dovuta all'evoluzione della città e mi auguro non condeda più deroghe o discussioni infinite. Esistono provvedimenti di tipo attivo e di tipo passivo atti a prevenire l'inquinamento acustico e, ad essere onesti, il livello di decibel considerato come massimo è molto basso. Una moto smarmittata arriva ai 105/110 dB, una F1 a 125 dB: i 70 dB considerati come tetto elevato sono in realtà volutamente tenuti bassi."

I privati avranno ora sei mesi, a partire dall'attuazione della normativa, per presentare un piano di risanamento acustico per le situazioni a rischio, mentre gli edifici pubblici potranno contare di un anno di tempo per rientrare nella norma. "A questo proposto - conclude Lombardi - sarebbe bello poter coinvolgere le Ferrovie dello Stato, cui spetta la realizzazione, in molti anni, di fasce di rispetto: il tempo sta per scadere, perché non chiedere a che punto sono i lavori?"
27/06/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano