Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Il teleriscaldamento continua a dividere maggioranza e opposizione

Approvato nel corso dell'ultima seduta di consiglio comunale di Novi Ligure, il progetto di teleriscaldamento prevede la realizzazione di due diverse reti: una centrale in via Pietro Isola e la seconda in viale Pinan Cichero. Il progetto rientra nell'ambito del Patto dei Sindaci, sottoscritto dall'ex sindaco Robbiano
NOVI LIGURE - Approvato nel corso dell'ultima seduta di consiglio comunale di Novi Ligure, il progetto di project financing di teleriscaldamento prevede la realizzazione di due diverse reti: una centrale in via Pietro Isola e la seconda in viale Pinan Cichero. Il progetto rientra negli obiettivi del Patto dei Sindaci che è stato sottoscritto dall’ex sindaco Lorenzo Robbiano circa due anni fa.

"Innanzitutto – dice l’assessore ai Lavori Pubblici, Felicia Broda- si mira a un efficentamento degli edifici pubblici come gli impianti sportivi e le scuole e poi anche alle abitazioni Atc". Aggiunge Broda: "Ci sono ben 150 famiglie che risiedono in case Atc sostenuto dal Comune non solo nel pagamento della locazione ma anche per il riscaldamento. Si spendono in media 170 mila euro all’anno".
Il progetto in questione prevede anche la riqualificazione edilizia e impiantistica termica e l’illuminazione (1.400 lampade a led). All’interno della proposta vi è anche il Parco Energetico, parco tematico sull’energia sostenibile studiato per sviluppare le potenzialità turistiche che tale argomento può avere.
"Le opere relative al teleriscaldamento – spiega l’ingegner Ferrini di Acosì - non coinvolgono solo le strutture pubbliche ma anche i privati. Il nostro può essere definito un “pacchetto risparmio energetico” per il Comune di novi che, comunque, proporremo anche ad altri Comuni. Il fine ultimo della società è quello di aiutare l’amministrazione comunale nel raggiungimento degli obiettivi previsti dal Paes". L’investimento è di circa 3 milioni di euro in cinque anni per il pubblico, di 856 mila euro per l’efficentamento nelle strutture comunali, di 225 mila euro per l’illuminazione e di 145 mila euro per il parco energia.

Sull’importanza dell’efficentamento energetico sono tutti d’accordo, la minoranza, però, ha dei dubbi e ha chiesto maggiori approfondimenti. "Il bilancio energetico è fondamentale - sottolinea Fabrizio Gallo, capogruppo del Movimento 5 Stelle - perché si deve valutare l’emissione di CO2 per la realizzazione dell’opera". Maria Rosa Porta, capogruppo Movimento civico popolare, nutre perplessità sull’interesse e il coinvolgimento dei privati: "la centrale di via Pietro isola, ad esempio, si rivolge al museo dei ciclismo, le palazzine di Euronovi sono costruzioni di nuova generazione e, quindi, credo non siano utenti potenziali".  
29/09/2015
Marzia Persi - m.persi@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa