Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

I siti ex militati lasciati nel degrado

Il consigliere comunale di Forza Italia Maurizio Sciaudone, indignato per lo stato di abbandono della Cittadella e della Caserma Valfré va all'attacco: "anni di denunce lasciati cadere nel vuoto"
ALESSANDRIA - Con una lettera, che riportiamo per intero, Maurizio Sciaudone, consigliere comunale di Forza Italia, s'indigna per la situazione degli ex siti militari depredati a più riprese nel tempo e lasciati senza un'adeguata sorveglianza e manutenzione. 
La campagna elettorale è iniziata e quindi risulta a tutti facile sostenere che chi scrive cavalca le disgrazie dell’attuale Sindaco solo perché è all’opposizione. Ma non è così. In qualità di consigliere comunale non ho mai risparmiato le mie critiche a chi ha responsabilità di governo e commette gravi errori. Critiche sempre circostanziate e supportate dai fatti.
Da anni sottolineo costantemente lo stato di degrado e di abbandono in cui versano i siti della nostra città lasciati dalle Forze Armate. A partire dall’ex Ospedale Militare. Soltanto Francesca Calvo cercò di operare per conservare e restituire questo bene trecentesco alla Città. Il recupero di parte dell’edificio e della sala mostre dell’ex convento francescano - utilizzata da Gianfranco Cuttica per allestire l’unica rassegna che figurò in allora sul circuito nazionale dell’arte: il ciclo arturiano - si devono infatti alla lungimiranza della Calvo e alla professionalità dell’arch. Elio Tardito, dirigente del Comune oggi in pensione. Sforzi che sono andati perduti, al di là della scelta di conferire l’edificio all’università. Anche l’ex Ospedale Militare è oggi un posto degradato, anche lì sono entrati i vandali e, in particolare nella zona della sala mostre hanno sottratto tutto il sottraibile (termosifoni in primis).

Sulla tutela della Cittadella di Alessandria ho prodotto una quantità notevole di interpellanze, interrogazioni, ordini del giorno, interventi in consiglio comunale e comunicati alla stampa.

Quello che purtroppo è successo nelle scorse settimane – la caduta da un bastione di un bambino di 10 anni – è stato il concretizzarsi di un timore che ho esposto in molte sedi. Da ultimo in ordine di tempo: ho chiesto in consiglio di conoscere chi avesse autorizzato, senza perizia statica, lo svolgimento di una festa per studenti all’interno della Caserma Montesanto di Cittadella. In quel luogo infatti, era gà caduto un pezzo di intonaco sul pubblico in un evento organizzato dall’AVIS. Attendo ancora oggi i risultati di un accertamento, demandato al segretario comunale, sulla legittimità della scelta dell’assessore Oneto di autorizzare senza la firma o il parere di un dirigente la manifestazione degli studenti. Con la scusa che se non si usa per fare tutto, la fortezza settecentesca (che una volta era la meglio conservata d’Europa) non si mantiene, abbiamo violentato il monumento facendo compiere al suo interno ogni sorta di accadimento (non oso chiamare manifestazioni o eventi la maggioranza delle cose che succedono lì dentro). La cosa che sconcerta è che di fatto, nonostante la caduta di parecchi metri di un bambino dal bastione, ai fini della prevenzione di pericoli come quello: non è successo niente!

Ed ora arriva, finalmente, la meritoria denuncia de La Stampa sul degrado della Valfrè. Anche su questa struttura, con la massima arroganza possibile, l’amministrazione Rossa si è sempre sottratta alle mie richieste di chiarimenti: come ad esempio in merito alla inspiegabile e arbitraria decisione di demolire la storica garitta della guardia. Con poco senso della vergogna mi è stato risposto che era pericolante (era una struttura di cemento armato, dunque con anima di ferro). Nella Valfrè hanno svolto il servizio di leva moltissimi alessandrini, non è a me che si è manifestata volgare disattenzione ma forse a loro.
In ogni caso quello che più colpisce è vedere come tutte le istituzioni (Statali e Locali) tenute ad operare per salvaguardare le cose di tutti e ancor più quelle monumentali, restano indifferenti e, per quanto mi consta, inattive.
28/03/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa