Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Casale Monferrato

Canale Lanza: "fanghi contenenti amianto da rimuovere immediatamente". Sindaco: "Ce ne stiamo occupando da mesi"

La prima richiesta arriva da Federico Riboldi, vicepresidente della Provincia di Alessandria e consigliere comunale di Fratelli d'Italia. "Quei fanghi contengono amianto e non possono essere dimenticati. E' dal 2012 che gli Enti preposti giocano a rimpiattino su chi debba occuparsene e le fibre disperse in aria nel frattempo?". Ma arriva repentina la risposta del sindaco Titti Palazzetti: "ce ne stiamo occupando da mesi, aggiornando passo dopo passo tutti gli organismi competenti. Argomento troppo delicato per essere utilizzato a scopo elettorale"
CASALE MONFERRATO - "I fanghi contenenti amianto depositati sulle alzaie del Canale Lanza sono da rimuovere immediatamente". Queste le parole di Federico Riboldi, vicepresidente della Provincia di Alessandria e consigliere comunale di Fratelli d'Italia che prosegue "è passato molto tempo e senza polemica affermo che non si può più attendere oltre. Quei fanghi contengono amianto e non possono essere dimenticati. E' dal 2012 che gli Enti preposti giocano a rimpiattino su chi debba occuparsene e le fibre disperse in aria nel frattempo?"  "Apprendiamo che nonostante i 400 mila euro stanziati dalla Regione per la bonifica il Comune di Casale ha spostato di ulteriori sei mesi la rimozione. Non è questo l'esempio che le amministrazioni pubbliche devono dare, rimpallandosi responsabilità su questioni tanto delicate".

Riboldi conclude: "il sindaco agisca direttamente e risolva il problema in tempi rapidi in quanto primo garante della salute dei cittadini. Nella città che vogliamo non ci sarà spazio per contenziosi che riguardano questioni tanto importanti".

Un duro attacco dall'opposizione al quale arriva repentina la replica del primo cittadino di Casale, Titti Palazzetti. "La bonifica dall’amianto è, per la nostra città e per tutto il territorio, un argomento troppo delicato e importante per essere tirato continuamente in ballo dall’opposizione a scopo di campagna elettorale" precisa subito. "“Sono molto amareggiata perché sul tema amianto ho sempre chiesto collaborazione costruttiva, osservando la massima trasparenza e continuando a bonificare a ritmo serrato, portando avanti anche progetti imponenti quali, ad esempio, quelli relativi agli stabili di Strada alla Diga, precedentemente trascurati”.

Poi tornando sulla questione del Canale Lanza spiega "l’amministrazione se ne sta occupando da mesi, aggiornando passo dopo passo tutti gli organismi competenti, dalla Procura al Comitato di Garanzia (di cui, ricordo, fanno parte gli enti tecnici Arpa e Asl, Afeva, Sindacati, Associazioni professionali e Sindaci e un membro dell’opposizione). Il Comitato stesso ha ricevuto pochi giorni fa l’ultimo aggiornamento in merito".

E il sindaco spiega poi la questione della proroga di sei mesi, come nasce e cosa il Comune di Casale sta chiedendo ora alla Regione. "La proroga concessa nasce dalla nota della Regione che chiedeva una dilazione dei termini di 6/8 mesi per poter espletare la procedura di gara, individuare l’aggiudicatario e provvedere così alla rimozione. Abbiamo pertanto ritenuto di accordare il termine minimo, ossia sei mesi, per consentire lo svolgersi delle procedure prescritte dalla legge (gara, aggiudicazione, ecc…) , fermo restando il rispetto delle prescrizioni già impartite con le precedenti ordinanze (tra le quali, il controllo e la manutenzione dei teli)".

Situazione che si sta "allungando" e sulla quale è stata la stessa Palazzetti ad intervenire con un’apposita nota alla Regione, "esprimendo il profondo disappunto nel vedere allontanarsi i tempi di risoluzione del problema, evidenziando come sia necessario procedere senza indugio e tempestivamente nei tempi stabiliti, non ulteriormente dilazionabili".

Che ha concluso, in risposata al consigliere Riboldi: "Come si vede, quindi, nessuno 'rimpalla' responsabilità, anzi, l’amministrazione comunale è stata la prima a proporre l’intervento, chiedendo anche in prima battuta di poter utilizzare per lo smaltimento dei fanghi la discarica comunale".
 
22/08/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline