Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

“Un euro per ogni abitante” per la lotta alle zanzare

E' la proposta del presidente del Consiglio comunale, Emanuele Locci, per incrementare le risorse messe a disposizione dal Comune (e anche dalla Regione per una parte) sul capitolo di “lotta alle zanzare” emersa in commissione Politiche sociali e sanitarie dove sono stati ascoltati i diversi attori che operano nei trattamenti, con specifico riferimento alla diffusione del West Nile Virus
 ALESSANDRIA - L'obiettivo è quello di “non dover affrontare come cosa straordinaria, quella che sta diventando ordinaria”. E il riferimento è alla lotta alle zanzare, con particolare attenzione alla diffusione del West Nile Virus sul territorio comunale. Ad affrontare il tema è stata la commissione Politiche Sociali e Sanitarie: “Come presidente della commissione sono molto soddisfatto di aver analizzato in maniera tecnica, scientifica ed approfondita un problema non secondario per la nostra comunità. È dovere di questa amministrazione premunirsi per tempo, investendo delle risorse per arginare il problema delle zanzare in particolare legato alla diffusione del West Nile Virus. In qualità di presidente di commissione e di capogruppo mi adoperò per tempo per contrastare questo problema socio/sanitario” sono state le parole di Piero Castellano. Sostenendo quindi quello che il presidente del Consiglio comunale Emanuele Locci ha definito come il “problema politico”, ovvero incentivare le risorse a bilancio di Palazzo Rosso destinate alla prevenzione e alla lotta alle zanzare.

Oggi il “tesoretto” è di circa 140 mila euro, 40 mila dal Comune e il resto come contributo della Regione Piemonte. “Basterebbe un euro a cittadino – sono le parole di Emanuele Locci – così da incrementare le risorse a disposizione arrivando a 90 o 100 mila euro”. Una questione già affrontata dall'attuale presidente del Consiglio negli anni passati, durante l'amministrazione Rossa, “che però nel 2013 derideva i miei interventi sulla necessità di affrontare il dilagare del West Nile Virus” ha precisato Locci. Che di contro ha avuto come risposta da Enrico Mazzoni una “rinfrescata” alla memoria: “ricordo che si usciva dal periodo del dissesto....dove era necessario tagliare spese....”.

Intanto a fare il punto del lavoro svolto questo anno c'erano i responsabili di Ipla che insieme al dottor Talbalaghi di Imca si occupano del monitoraggio e dei trattamenti sul territorio comunale e in quei comuni limitrofi che fanno parte del progetto (sono 15 comuni). Presenti anche L'asl e Arpa. Ad Alessandria sono stati segnalati 17 casi di West Nile, veicolati da esseri umani e da zanzare. Assenti invece i casi sui cavalli.
Come spiegato da Ipla, “più si espande l'estensione del territorio in cui da aprile si cominciano i trattamenti, più aumenta l'efficacia, che dipende proprio dallo spostamento delle zanzare: la “culex” quella del West Nile Virus si sposta a distanze maggiori, di un km e mezzo a differenza di quella tigre che invece si muove molto meno. “Da riprendere a tambur battente anche gli interventi sui focolai e sui tombini”. Che Ipla assicura essere stati fatti questo anno.

Insomma il periodo delle zanzare è finito e si è anche fuori dal “picco massimo” per il West Nile Virus...ma meglio cominciare a parlarne per il prossimo anno.
13/10/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini