Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Dalla Commissione lampo nasce il caso del "cerchio magico" in Comune

Scoppia la polemica per una squadra di calcio che ha chiesto di poter indossare il logo comunale. Il casus belli è però l'accusa di corsia preferenziale per una società il cui presidente ha un nome "noto". Commissione ad hoc di prassi, ma convocata in fretta e furia
ALESSANDRIA – Da quella che sulla carta poteva essere una noiosa seduta della Commissione Affari Istituzionali sulla richiesta di una società di calcio a 5 per l'uso dello stemma della Città di Alessandria, ne è nato un caso politico, con sospetti di “corsia preferenziale”.

È stata proprio la celerità nel chiamare i consiglieri al voto di quello che a tutti è sembrata una pura formalità burocratica a destare i sospetti di Emanuele Locci, il quale ha notato che - a tempo di record - dalla richiesta alla convocazione sono passati solo una manciata di giorni, fine settimana compreso. Convocazione irrituale, visto che il nuovo regolamento dispone un lasso di tempo di 60 giorni. “Una velocità incredibile, una capacità di reazione mai vista. Non vorrei che c'entrasse il cognome del presidente di questa Associazione sportiva dilettantistica (Amos Perissinotto), fratello del presidente di Amag Ambiente”.

Sollevata la coincidenza e l'utilità (scarsa) di una Commissione con quell'unico punto all'ordine del giorno, anche Simone Annaratone ha palesato la curiosità del perché la richiesta di utilizzo del logo con i grifoni fosse firmata dal vicepresidente e non dal più alto nella gerarchia di quella squadra. “Come se non si volesse far sapere chi fosse il presidente”, sibila Locci, tra l'imbarazzo dei presenti.

L'esigenza di stringere i tempi con il nulla osta sul logo è stata giustificata in Comune dai tempi stretti di presentazione della squadra e dall'inizio del campionato di serie D (che peraltro parte ad ottobre) e dal fatto che la modifica al regolamento sulla concessione di patrocini e loghi è così recente che si presume che non tutti ne fossero aggiornati.

Alla fine si è rinviato tutto a un paio di giorni, in attesa di approfondimenti sull'iscrizione dell'ASD Lisòndria all'albo delle società sportive comunali. “Spero che la stessa celerità di oggi sarà riservata a tutti gli altri alessandrini richiedenti, nelle prossime occasioni”, ha concluso Locci, che accusa la maggioranza di favoritismi per chi sta nel “cerchio magico”.
 
31/08/2016

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa