Sei in: AlessandriaNews / Politica / Comunità di San Benedetto e assessore Barberis contro la "tolleranza zero" - 5/12/2012
Alessandria

Comunità di San Benedetto e assessore Barberis contro la "tolleranza zero"

Un appello al sindaco per rivedere le decisioni sulla "tolleranza zero" verso i fenomeni della prostituzione e dell'accattonaggio. L'invito arriva dalla Comunità di San Benedetto al Porto, sostenuto a gran voce dall'assessore Giorgio Barberis. "No azioni repressive, ma politiche sociali concrete, solidali ed efficaci"
Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
ALESSANDRIA - Solo pochi giorni fa il sindaco di Alessandria, nell'ambito di una commissione consiliare, ha sottolineato l'aspetto "non solo repressivo" della cosiddetta "tolleranza zero" nei confronti del fenomeno dello sfruttamento della prostituzione e dell'accattonaggio molesto, "ma la necessità di accostare politiche sociali adeguate, per la lotta contro lo sfruttamento delle donne e delle fasce più deboli della società".
Ma sempre in questi giorni su queste problematiche si era espressa - in maniera fortemente dissonante verso il metodo della "repressione" - anche la Comunità di San Benedetto al Porto, "chiedendo alla Sindaca di Alessandria, donna e quindi presumiamo ancor più sensibile, di spostare l’azione repressiva dalle Vittime ai criminali". Avvalorando la tesi dell'aiuto nei confronti di queste donne "che vanno sostenute per sfuggire allo sfruttamento e non certo perseguitate", con un chiaro riferimento alle ordinanze della precedente amministrazione, "respingendo al mittente la vile ed odiosa ordinanza Fabbio".  La Comunità di San Benedetto a sostegno della propria tesi delinea una rete alessandrina di aiuti, pronta a collaborare per la prevenzione e la salvaguardia di queste donne, sotto la guida di "Operatori Esperti e Personale Sanitario. L’Associazione PIAM-Onlus di Asti lo fa già da diversi anni, ad Alessandria", precisa Fabio Scaltritti.
Le affermazioni della Comunità di San Benedetto assumono un valore diverso dopo la dichiarazione del primo cittadino Rita Rossa in merito ad una delibera di giunta, che è stata discussa in commissione e che sarà proposta al Consiglio comunale, che vuole trasformare le "ordinanze" di competenza del sindaco per contrastare il fenomeno della prostituzione, così come dell'accattonaggio, in articoli veri e propri all'interno del Regolamento di Polizia urbana.
"Ma se anche gli asini sanno che la prevenzione si fa con le Agenzie Educative (famiglia, scuola, educatori, parrocchie) mentre alle Forze dell’Ordine è riservato il compito della repressione?", sostengono dalla Comunità di San Benedetto al Porto. Proprio da qui l'invito rivolto al sindaco Rossa di "riflettere ed agire per il Bene Comune, partendo proprio dai reali bisogni di chi, in questo periodo, risente di più gli effetti di una crisi economica ingiusta e artificiale". Da un colloquio della scorsa settimana sembra esserci la disponibilità a convocare un "tavolo di lavoro" per il governo di questi fenomeni sociali che riguardano le persone più deboli, più ai margini nella società, più a rischio di violenze ed abusi, "abbandonando le operazioni di inefficace repressione e di accanimento verso i più bisognosi".

A questa visione critica della strada intrapresa dall'amministrazione comunale ha aderito anche un membro della giunta stessa, l'assessore Giorgio Barberis. La propria contrarietà era stata in parte dimostrata dalla non partecipazione al voto della delibera di giunta. Ma in seguito al comunicato della Comunità di San Benedetto al Porto, l'assessore alla Cultura ha voluto precisare "per amore di trasparenza e di verità, che anche in giunta c'è stata una vivace dialettica a proposito della tolleranza zero verso fenomeni come la prostituzione e l'accattonaggio".
Attraverso un comunicato Barberis prende una netta posizione: "tengo a sottolineare che personalmente condivido lo spirito della Comunità di San Benedetto e aderisco dunque al loro appello". Spiegando: "Credo che non si debba mai partire dalla repressione. Molto meglio le politiche di prevenzione. E il disagio non si controlla con le Forze dell'Ordine, ma si 'contiene' con politiche di ascolto, di accoglienza, di inclusione. A maggior ragione in una fase di grave crisi come quella che stiamo attraversando. Teniamoci lontano da derive populiste e benpensanti. Meglio lavorare per non lasciare indietro nessuno, senza demonizzare la marginalità, ma costruendo una città aperta e solidale" e motivando così la propria presenza all'interno del "governo" di Palazzo Rosso. "Per questo siamo in giunta e questo ci aspettiamo da un'amministrazione di centrosinistra. Siamo fiduciosi che l'appello venga accolto da tutti, a partire dal nostro Sindaco. Il disagio sociale deve essere affrontato con politiche concrete, solidali, efficaci. Discutiamo di questo, non di improbabili azioni repressive".
5/12/2012


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Al Comune non basta la “virtù”

Opinioni | Agostino Pietrasanta: "senza memoria non si va lontano; lo si dice spesso, lo si dimentica sempre. Ad Alessandria, ad esempio, non sembra più notizia prioritaria ciò che ci è capitato circa due anni fa, quando dopo una tornata amministrativa, tanto celebrata, quanto disastrosa, ci siamo trovati la tegola del dissesto"

Commercio: "crisi drammatica, le iniziative del Comune non possono bastare"

Tortona | I problemi del commercio, tra crisi economica, disparità tra grande e piccola distribuzione, efficacia delle manifestazioni

Il bilancio partecipato ed il Comune di Casale

Casale Monferrato | L'argomento è al centro del forum di Nuove Frontiere del mese di ottobre

Alluvione e federalismo demaniale al centro del consiglio comunale

Novi Ligure | Convocata per domani, lunedì 20, alle ore 21.00, una seduta dell'assise cittadina. Il sindaco relazionerà sul receneo evento alluvionale, poi si passerà all'esame del federalismo demaniale e di chiarimenti riguardo la Tari. In chiusura, analisi e discussione dei lavori inerenti il Terzo Valico

La "movida" dura fino a dicembre, prorogata l'ordinanza

Novi Ligure | Resterà in vigore fino al prossimo 31 dicembre l'ordinanza introdotta ad agosto per regolamentare la "movida" in centro città. Le regola da seguire valgono per pubblici esercizi, negozi di alimentari e circoli privati. Le violazioni prevedono la sanzione fino ad un massimo di 500 euro

Multimedia

  • Jobs Act, la posizione di Uil

    Jobs Act, la posizione di Uil

  • La sagra del Giusto

    La sagra del Giusto

  • Qua la zampa, cerchi un amico?

    Qua la zampa, cerchi un amico?

  • Vigili del Fuoco e Carabinieri al lavoro h24

    Vigili del Fuoco e Carabinieri al lavoro h24

  • Cassano, tante famiglie hanno bisogno di aiuto

    Cassano, tante famiglie hanno bisogno di aiuto

  • Gavi, istantanee da un incubo

    Gavi, istantanee da un incubo

  • E a dare una mano arriva anche l'esercito

    E a dare una mano arriva anche l'esercito

  • Oltre a fango e acqua, anche gli alberi fan danno

    Oltre a fango e acqua, anche gli alberi fan danno

  •  Oneto: Dopo due anni riapre il Punto D per i giovani

    Oneto: Dopo due anni riapre il Punto D per i giovani

  • Tempesta e Bonanno: Giornata Nazionale raccolta alimentare animale

    Tempesta e Bonanno: Giornata Nazionale raccolta alimentare animale

Seguici su...
Facebook Twitter Flickr YouTube