Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Tortona

La commissione capigruppo discute il documento dell'Asl

La seduta si tiene per elaborare le proposte, osservazioni ed emendamenti al documento tecnico che l'Asl ha consegnato la settimana scorsa ai sindaci dei comuni sede di distretto sanitario, contenenti le indicazioni sui futuri assetti dei presidi sanitari in provincia
TORTONA - Si terrà oggi, giovedì 28 febbraio, in un insolito orario serale alle 21 la conferenza dei capigruppo del consiglio comunale, convocata dal presidente Franco Carabetta per elaborare le proposte, osservazioni ed emendamenti al documento tecnico che l'Asl ha consegnato la settimana scorsa ai sindaci dei comuni sede di distretto sanitario, contenenti le indicazioni sui futuri assetti dei presidi sanitari in provincia. Di fatto, si prenderà atto o si criticheranno le scelte che riguardano in questo caso l'ospedale di Tortona, tenendo seguito al documento politico votato all'ultima seduta del consiglio comunale, in cui veniva chiesto ad Asl, Regione e altre istituzioni competenti di sospendere ogni decisione e avviare una consultazione sul territorio con i rappresentanti dei cittadini. Ora la discussione verte anche sul documento tecnico consegnato al sindaco Massimo Berutti dall'Asl nella riunione di lunedì 18 febbraio e che verrà poi presentato in Regione e su cui si tradurranno in concreto le linee del piano sanitario regionale che coinvolge l'ospedale unico Novi Ligure – Tortona. La presenza di un ospedale integrato con due strutture distinte lascia ancora molte ambiguità, come testimonia una tabella contenuta nel testo in cui si elencano i servizi disponibili presso i due ospedali ma senza specificare dove sarà la sede dell'uno o dell'altro; pare però che il reparto pediatria rimanga a Tortona, al contrario di ostetricia destinato a Novi Ligure: nei punti citati nel documento si prevede: l'unificazione delle strutture di Orl, urologia, neurologia, concentrazione dell'attività chirurgica Orl a tortona e Urologia a Novi Ligure; unificazione di ostetricia e ginecologia a Novi, concentrazione sulla sede di Novi di tutte le attività interventistiche per l'area di ginecologia e del punto nascita unico per i due ospedali; unificazione di pediatria, con concentrazione nella sede di tortona dell'attività di degenza attualmente svolta presso le sedi di Novi, Acqui, Casale.anche molta casistica legata all'oncologia, emergenze escluse, sarà trasferita negli altri ospedali dell'Asl Al da Tortona. , mentre è prevista l'attivazione di 10 posti letto di riabilitazione presso la sede ospedaliera di Tortona, al fine di ridurre la fuga di pazienti lungodegenti verso la Lombardia e contenere i costi per l'Asl per almeno un milione di euro. Si ipotizzano inoltre 20 posti letto in continuità assistenziale, per i quali è prevista la stipula di una convenzione con la residenza sanitaria Lisino.

 

28/02/2013
Stefano Brocchetti - redazione@tortonaonline.net

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa