Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Caso 'Cooperativopoli': "Solo falsità. Nessun procedimento contro il Comune"

La risposta all'interpellanza dei due consiglieri di opposizione Locci e Sciaudone sul caso "Cooperativopoli" arriva direttamente dal primo cittadino, Rita Rossa. "Solo falsità per infangare. Non c'è nessun procedimento dell'Anac contro il comune di Alessandria. Continueremo nella legalità a salvare i lavoratori delle cooperative"
 ALESSANDRIA - Il caso era stato portato alla ribalta solo pochi giorni fa da due consiglieri comunali di opposizione, Emanuele Locci e Maurizio Sciaudone. “Esiste un caso Cooperativopoli ad Alessandria?”. L'attacco dei due membri di minoranza è rivolto agli appalti di manutenzione del verde pubblico della città, affidati “direttamente” e senza gara pubblica ad alcune cooperative sociali di tipo B. Nove le domande rivolte all'amministrazione comunale per mezzo di una interpellanza, che nella serata di ieri in sede di Consiglio comunale hanno trovato risposta (non per Locci, ndr) direttamente dalle parole del primo cittadino Rita Rossa. Ad ascoltarla dal loggione una folta delegazione di lavoratori proprio delle cooperative alessandrine [come si vede nella foto].

Che non si è limitata a spiegare. “Gettare fango per recuperare visibilità. Questo è quello che avete fatto con questa interpellanza, che non ha nulla di vero, ma sono solo falsità”. Nulla di poco trasparente per il sindaco che prosegue affermando come ci sia in corso nessun procedimento contro il Comune di Alessandria. “Nessuna norma violata, nessun fascicolo aperto”. Anzi sembra che l'Anac (Autorità nazionale Anticorruzione) abbia affermato “è perfetto quello che avete fatto”. L'unica nota arrivata – e mandata dall'Anticorruzione – a tutti i comuni capoluogo sembra essere solo un documento che rimarca l'attenzione che si deve prestare e il rispetto delle norme che regolano gli appalti. Nessuna tirata di orecchie.

Così quello che doveva essere uno strumento di approfondimento e chiarezza, l'interpellanza, è stata definita una “operazione deprecabile” dal primo cittadino, che ha giustificato tutte le scelte fatte (nella legalità della legge) come “scelta politica che rivendico”. “Per noi il lavoro delle cooperative sociali di tipo B è di grande importanza. Al centro delle nostre scelte per l'affidamento dei servizi di manutenzione del verde c'è il valore delle persone. E i consiglieri Locci e Sciaudone facendo solo polemica fanno in realtà rischiare solo i lavoratori”.

Anche sulla divisione del territorio in tre aree, giudicata un metodo per “spezzettare gli appalti e non superare l'importo economico imposto per legge” il sindaco ribatte con “sono solo falsità”. Si può fare, è permesso e i lavoratori delle cooperative sono un unicum di tutto il progetto di manutenzione del verde. Insomma una scelta politica per “salvare i posti di lavoro”...che per il consigliere Locci però “non è compatibile con le disposizioni di legge”.
29/06/2016

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa