Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Banda ultra larga, entro l'anno arriva in 45 comuni

Siglato il protocollo di intesa tra Provincia e Infratel: entro giugno completata la progettazione per portare la banda ultra larga in 45 comuni. Entro il 2020 arriverà in tutti i centri
PROVINCIA - Quarantacinque comuni della Provincia avranno la banda ultra larga entro la fine dell'anno. Per gli altri arriverà comunque entro il 2020. E' scritto nero su bianco nell'accordo che la Provincia di Alessandria ha siglato con Infratel,  agenzia nazionale del Ministero dello Sviluppo Economico per l'infrastruturazione digitale de Paese.
Quattro le fasi previste. La prima partirà entro il mese e la rete dovrabbe essere posata in 60 giorni dal rilascio del permessi. La seconda sarà avviata a giugno.
Nella prima fase rientrano i comuni di Acqui terme, Arquata Scrivia, Casale Monferrato, Novi Ligure, Serravalle Scrivia e Tortona. Era inserito nella prima fascia anche il comune di Gavi, ma l'amminsitrazione non ha sottoscritto il protocollo. 
Nella seconda fase rientrano i comuni di Albera Ligure, Alice Bel Colle, Alzano Scrivia, Basluzzo, Borghetto Borbera, Bosio, Brignano Frascata, Cabella Ligure, Cantalupo Ligure, Caprita D'Orba, Carrosio, Casaleggio Boiro, Castellazzo Bormida, Castelletto D'Orba, Castelnuovo Scrivia, Cavatore, Cremolino, Grondona, Lerma, Melazzo, Mornese, Morsasco, Ovada, Pareto, Pietra Marazzi, Pontecurone, Quargnento, Quattordio, Rocca grimalda, Roccaforte Ligure, Rocchetta Ligure, San Salvatore Monferrato, Silvano D'orba, Solero, Tagliolo Monferrato, Valenza, Vignole Borbera, Voltaggio. 
Gli altri dovranno aspettare il 2020, termine ultimo fissato dal ministero per raggiungere l'obiettivo nazionale della copertura dell'85% dell'intero territorio.

"Per la Regione Piemonte – spiega Luca Rossi, consigliere provinciale delegato che ha seguito lo sviluppo del progetto – sono stati stanziati 284 milioni di euro di finanziamento pubblico, al quale si aggiungono altri 200 milioni di investimenti privati". I finanziamenti sono riservati alle cosiddette “aree bianche” ossia quelle zone non coperte dalla banda ultralarga dove risulta antieconomico per un operatore privato intervenire.
Nella prima fase prevede che la progettazione venga terminata entro il mese di marzo e l'avvio dei lavori veri e propri entro 60 giorni dal rilascio delle autorizzazioni.
La fase due sarà avviata subito dopo la prima. Si può prevedere che dal mese di giugno Infratel inizierà la fase di progettazione e, quindi, di realizzazione della rete, spiega ancora Rossi.
Tempi meno certi le fasi tre e quattro, che riguardano tutti gli altri centri. Resta fermo l'obiettivo finale del 2020. "Nei vari tavoli si è discusso molto sia dell'impatto sui cantieri sulla circolazione che delle problematiche derivanti dalla cosiddetta “minitrincea” . La decisione è stata quella di utilizzare, dove possibile, l'utilizzo di infrastrutture già esistenti, come quelle di Enel". Nell'accordo è stato stabilito «che sarà Infratel a farsi carico di eventuali interventi di ripristino e si impegna inoltre a risarcire la Provincia per eventuali interventi di urgenza da effettuarsi in caso di verifichino situazioni di pericolo per il traffico». Per la Provincia, il costo dell'operazione dovrebbe essere pari a zero.

19/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Il crollo del viadotto Morandi a Genova