Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Aral: prosegue il botta e risposta tra Pd e l'assessore Borasio. E si torna all'attacco

Il primo "attacco" sulla vicenda Aral è stato del Partito Democratico con un comunicato stampa che definiva l'azienda e tutta la vicenda che la sta coinvolgendo "abbandonata a se stessa". Da qui la replica dell'assessore all'Ambiente di Alessandria, Paolo Borasio, affidata ad un post su Facebook. Ma il botta e risposta è proseguito con un nuovo commento del Pd: un attacco al "passato coinvolgimento dell'assessore nella vicenda Aral"
 ALESSANDRIA - Il primo "attacco" sulla vicenda Aral è stato del Partito Democratico con un comunicato stampa che definiva l'azienda e tutta la vicenda che la sta coinvolgendo "abbandonata a se stessa". Da qui la replica dell'assessore all'Ambiente di Alessandria, Paolo Borasio, affidata ad un post su Facebook, che ricordava "come era stata lasciata" proprio dall'amministrazione di centrosinistra.

Domenica il botta e risposta è proseguito con un "comunicato parate seconda" del gruppo consigliare del Partito Democratico e Lista Rossa "l'abbandono di Aral parte II".

Qui di seguito il comunicato di "attacco personale" del Pd verso l'assessore Borasio e sul suo coinvolgimento in tutta la vicenda, che guarda indietro nel tempo.
"La risposta dell’assessore Borasio è stata di un’inconsistenza impressionante, in sostanza egli rinfaccia al Pd un passato di cui il Pd dovrebbe vergognarsi. A parte il fatto che lui dovrebbe pensare a quel che non ha fatto nell’ultimo anno e che quel che non avrebbero fatto gli altri non dovrebbe costituire una scusa per giustificare le sue scelte sbagliate ma, forse, il nervosismo dell’assessore nasce proprio da quell’indicibile passato di cui è stato co-protagonista. Borasio è coinvolto nelle questioni di Aral e del consorzio rifiuti da più di un decennio, come rappresentante di un piccolo Comune, come legale al servizio dei comuni di Quargnento e Solero, come silente uomo di Forza Italia quando Forza Italia contribuiva al massacro di Aral attraverso le azioni folli dell’amministrazione comunale 2007 – 2012, come silente uomo di Forza Italia e dei piccoli Comuni quando l’assemblea soci accettava la Governance che portò Aral in condizioni di indebitamento e deficit corrente mostruoso (rileggersi bilanci 2013 – 14 prego), oggi come rappresentante del Comune di Alessandria che ha assunto in capo alla sua figura tutta la partita rifiuti. Nel passato indicibile di Aral in cui Borasio ha giocato un ruolo/non-ruolo c’è anche la folle vicenda di Cascina Guarasca, quando il Comune di Alessandria attraverso Aral si inventò la famosa discarica di inerti poi mai nata davvero".

E proseguono: "Ma preferiamo guardare all’oggi ed è qui che forse Borasio ha davvero qualcosa di cui vergognarsi. Del vuoto che si è creato in Aral abbiamo detto, della condizione di sporcizia inaccettabile in cui versa Alessandria no. Il ritiro dell’organico sospeso più volte in questa calda e puzzolente estate, non ha nulla a che vedere con gli incendi che si sono scatenati in Aral visto che l’area coinvolta è quella degli ingombranti e che l’organico da raccolta differenziata viaggia su direttrici che coinvolgono marginalmente l’impianto di Castelceriolo. E’ la filiera che non funziona. E la responsabilità è sua, visto che ha deciso di rinviare senza un termine preciso il ritorno al porta a porta comunicando la totale assenza di un pensiero sul modello di raccolta da adottare in città.

Allora, caro Assessore Borasio, eviti di dire via social network ad altri cose che dovrebbero far parte del suo esame di coscienza quotidiano, si impegni a risolvere i problemi che lei deve risolvere senza trovare scuse in quel che avrebbero fatto o non fatto gli altri. E le ricordiamo che affermare che la nuova maggioranza ha combattuto gli interessi mafiosi che oggi starebbero reagendo attraverso le azioni dolose negli impianti di Aral ha una lettura ben precisa nell’opinione pubblica. Se avete informazioni precise nel merito le condividete e la battaglia si fa insieme. Se volete condivisione e unità di intenti nella riorganizzazione della filiera rifiuti dovete cambiare registro in tutto, anche nell’approccio, in quello che dite oltre che in quello che fate. Si discute, si rispetta chi ha lavorato con serietà e onestà prima di voi, si trovano soluzioni possibilmente condivise, si fa tutti corretta autocritica e si guarda avanti".
27/08/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa