Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Tortona

Approvato il bilancio 2011

Il bilancio 2011 è stato approvato venerdì sera in consiglio comunale con dieci milioni di euro di disavanzo e con quattro voti in meno in maggioranz
Il bilancio 2011 è stato approvato venerdì sera in consiglio comunale con dieci milioni di euro di disavanzo e con quattro voti in meno in maggioranza, ovvero due assenti per motivi giustificabili e due astensioni. Il vicesindaco assessore al bilancio Carlo Galuppo nella sua relazione aveva individuato in due passaggi le criticità fondamentali che hanno portato a tale situazione di deficit. Nel merito: il bilancio chiude con 9 milioni e 800.000 euro di disavanzo, cifra portata a questo livello dalla constatazione dei residui attivi e passivi che di fatto avevano “gonfiato” gli ultimi bilanci e dalla mancata vendita di immobili comunali lo scorso anno. Il vicesindaco assessore al bilancio Carlo Galuppo ha individuato, tra le tante, due cause come principali fonti del buco di bilancio: “L’elevata consistenza del disavanzo è dovuta ad una somma di fattori tra cui la mancata vendita dell’ex Mercato Coperto e di Palazzo Leardi che ha impedito di realizzare le entrate previste pari ad € 4.600.000. Il risultato va interpretato aggiungendo al disavanzo di competenza (€ 3.076.417,96) una attenta e scrupolosa revisione dei residui, ovvero entrate mai realizzate e spese mai sostenute, (minori residui attivi - € 3.876.753,95 - al netto dei minori residui passivi - € 596.421,54 - per un importo pari ad € 3.280.332,41) a cui si deve aggiungere il disavanzo di amministrazione anno 2010 pari a € 3.532.837,32, che ci ritroviamo interamente in quanto la copertura di parte di questo disavanzo doveva avvenire con l’incasso dalle alienazioni che, come si è detto prima, non si è realizzato”. Tra le azioni che il comune intende intraprendere per chiudere il disavanzo, soprattutto vendite immobiliari di patrimonio pubblico e cessioni di partecipazioni aziendali. Avviate anche azioni strutturali di riduzione delle spese e di aumento delle entrate, come l'affido a privati di servizi prima svolti da aziende partecipate, con conseguenti minori costi, e l'introduzione dell'Imu e l'aumento di tariffe per i servizi a domanda individuale, per incrementare il lato delle entrate.
30/04/2012
Stefano Brocchetti - redazione@tortonaonline.net

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa