Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Belforte

Bruno Mattana: "Un testimone del nostro territorio"

Colleghi del giornalismo e del centro di formazione per i funerali del giornalista che per più di 50 anni ha raccontato i fatti dell'Ovadese
 BELFORTE - E’ entrata nella chiesa parrocchiale accompagnata dai membri della confraternita della Santissima Annunziata di Belforte la salma di Bruno Mattana, scomparso qualche giorno fa all’età di 85 anni. Per una vita ha raccontato le vicende di Ovada dalle pagine de “La Gazzetta del Popolo” prima, poi de “Il Secolo XIX” e con il microfono di Telecity. “Un legame fortissimo con il territorio – ha ricordato nel corso dell’omelia il parroco di Ovada, Don Giorgio Santi – e al tempo stesso un modo per comunicare”. Nel corso della cerimonia è stato ricordato anche il suo ruolo chiave nello sviluppo del centro di formazione dell’Oratorio Votivo, oggi Casa di Carità  “Arti e Mestieri”, prima a fianco di Don Fiorello Cavanna, poi di Don Valorio. “Entrò – lo ricorda l’attuale direttrice, Marisa Mazzarello – in un corso di falegnameria ma non era quella la sua strada. Divenne presto segretario perché nell’amministrazione era serio e preciso. In quel ruolo fu motore di crescita per tutta la scuola”. “Ha speso tempo – il ricordo del sindaco di Ovada, Paolo Lantero – per raccontare la nostra realtà e i suoi personaggi”. Confusi tra la folla, a stento contenuta dalla chiesa parrocchiale di Belforte, i colleghi della sua avventura giornalistica, con la carta stampata e dietro al microfono. “Aveva la capacità – prosegue Lantero – di un grande osservatore, sapeva cogliere i lati positivi del nostro territorio”. “L’ultimo pezzo? L’avrebbe scritto sull’ospedale – ricorda Renzo Bottero, per anni al suo fianco da cronista de “La Stampa– L’aveva confidato a molti nell’ultimo periodo. A quanti sono andati a fargli visita durante la sua recente degenza ha sottolineato l’impegno e il lavoro dei medici e degli infermieri. Mattana avrebbe voluto invitare i suoi concittadini a prendere ogni iniziativa per la difesa della struttura”.

 

3/01/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


I ciclisti non sono cittadini di serie B, chiedono gli stessi diritti di tutti gli utenti della strada
I ciclisti non sono cittadini di serie B, chiedono gli stessi diritti di tutti gli utenti della strada
Alessandria-Pro Piacenza 1-0. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Pro Piacenza 1-0. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Pontedera 5-1. Il dopo gara
Alessandria-Pontedera 5-1. Il dopo gara
Le bici di Coppi: la presentazione
Le bici di Coppi: la presentazione
Città sporca e in ritardo sulla differenziata: pronti a rivedere le nostre strategie
Città sporca e in ritardo sulla differenziata: pronti a rivedere le nostre strategie
L’incontro dell’Ambasciatore della Somalia a conclusione della staffetta podistica
L’incontro dell’Ambasciatore della Somalia a conclusione della staffetta podistica
Posate sette pietre d’inciampo a ricordo degli alessandrini deportati nei lager
Posate sette pietre d’inciampo a ricordo degli alessandrini deportati nei lager
Visita tra il gelo e il freddo del Rifugio Cascina Rosa
Visita tra il gelo e il freddo del Rifugio Cascina Rosa
Visita al Gattile Sanitario in Alessandria
Visita al Gattile Sanitario in Alessandria
La mia Cittadella
La mia Cittadella