Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Trasporti: alleanza tra Ovada e Acqui contro i tagli

E' stato sancito l'asse tra Ovada e Acqui sul fronte trasporti. Insieme al sindaco di Ovada, Paolo Lantero, e a quello di Acqui, Lorenzo Lucchini, anche i primi cittadini Claudio Pronzato (Rivalta Bormida) e Piero Barisone (Prasco), per un dialogo continui sui possibili risvolti futuri.

OVADA - I disagi sulla linea ferroviaria Acqui-Genova e, dallo scorso 23 dicembre, anche i tagli sulle tratte provinciali gestite dall'Arfea. Ed è proprio quest'ultimo provvedimento - che ha comportato l’addio del collegamento da Alessandria delle 18.45, l’anticipazione del successivo dalle 19.44 alle 19.23 e tutta una serie di disagi aggiuntivi al sabato - ad aver sancito e rinsaldato il patto tra Ovada e Acqui Terme. “L’Ovadese e l’Acquese stanno affrontando problemi simili - spiega il sindaco di Acqui Terme, Lorenzo Lucchini -: pessima manutenzione delle linee ferroviarie (quella tra Ovada e Alessandria è addirittura chiusa al traffico passeggeri dal 2012; ndr), numerosi disagi per i pendolari e, ora, riduzione del numero dei bus. Gli ultimi tagli dell’Arfea hanno indebolito il servizio. Spero che quest’azione coordinata tra politici locali possa aiutarci a trovare soluzioni tecniche per migliorare il trasporto pubblico, rafforzando la nostra posizione al prossimo incontro in Regione”. 

Insieme al sindaco di Ovada, Paolo Lantero, e ai primi cittadini Claudio Pronzato (Rivalta Bormida)  e Piero Barisone (Prasco), le parti hanno instaurato un dialogo continui sui possibili risvolti futuri. Da tempo, sulla scrivania di Lantero c’è un’idea per la riapertura dell’Ovada – Alessandria, una sorta di staffetta tra treni e bus, con il coinvolgimento di Saamo. “Quello di ieri sera – ha aggiunto lo stesso primo cittadino ovadese - è stato solo un primo confronto coi colleghi dell’Acquese per capire come la loro zona possa aiutare la nostra nel difendere un servizio importante come quello della Ovada-Alessandria”. Lantero ha anche già avuto un primo confronto con alcuni viaggiatori, tra cui i promotori delle due petizioni. “Grazie a loro ho scoperto lo studio realizzato dall’Agenzia per la mobilità per un possibile ritorno dei treni sulla Ovada-Alessandria. Una proposta interessante”. Vedremo se e come si evolverà la situazione. Il rischio da scongiurare è quello dell’isolamento di una porzione di basso Piemonte già non particolarmente presa in considerazione. 

9/02/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano