Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

E’ fumata quasi nera per il bus: “Riaprite la Ovada - Alessandria”

Sembra chiudersi ogni spiraglio per la possibile riattivazione della corsa delle 18.45 dei giorni feriali tra Alessandria e la nostra città. Una soluzione potrebbe arrivare dalla linea ferroviaria, ormai chiusa dal 2012

OVADA - Arriva dall'Arfea un disco rosso alla possibile riattivazione della corsa delle 18.45 dei giorni feriali tra Alessandria e la nostra città. Della richiesta, avanzata nei mesi scorsi dai pendolari, se n'è discusso la settimana scorsa a Palazzo Delfino, nel corso di un incontro tra le istituzioni, l'azienda di trasporto e gli stessi fruitori del servizio. “Per noi – spiega Marco Martini, portavoce di chi viaggia – un collegamento in questo orario rimane una richiesta irrinunciabile. Arfea è disponibile a introdurre un servizio di bus a chiamata al sabato pomeriggio, ora sguarnito in toto, con un mezzo alle 18,30 da Ovada e uno alle 19,40 da Alessandria. Di questo gli rendiamo merito”. Un altro successo parziale arriva dal "sì" al cadenzamento, con bus da Ovada sempre al minuto 30 e da Alessandria sempre al 40, rispettando le coincidenze con i treni nel capoluogo, e anche al taglio della fermata di Castellazzo, già servita da altre linee, accorciando il viaggio di 10 minuti.

E se da un lato l’azione di chi contro la soppressione dei bus aveva promosso una raccolta firme sarà quella di rivolgersi con urgenza all’Agenzia piemontese per la mobilità, dall'altro è riemersa la vecchia vicenda del ripristino della tratta ferroviaria, chiusa nel 2012 dalla Giunta Regionale allora presieduta da Roberto Cota, e mai più riattivata. Questa volta i 16 sindaci dell’Ovadese hanno messo la richiesta nero su bianco, inviando una lettera in cui le loro motivazioni sono spiegate per filo e per segno. Per una prospettiva concreta si guarda alla gara per il trasporto locale che sarà effettuata nel 2019. “Attualmente – commenta il sindaco di Ovada, Paolo Lantero - la tratta viene citata nel lotto di gara B3, tra le linee che chi concorrerà potrà riattivare, a discrezione, per guadagnare punti sui concorrenti. Noi chiediamo sia spostata nel lotto B2, cioè tra quelle da garantire in automatico. Sarebbero da aggiungere solo le fermate di Predosa e Rocca Grimalda”. Uno studio effettuato nel 2017 testimonia della sostenibilità economica di percorso diretto tra Ovada e Alessandria di soli 28 minuti. Anche per questo sono già state raccolte 400 firme ma la petizione va avanti presso l’edicola di piazza Assunta a Ovada e la tabaccheria della stazione di Alessandria. La “Carta dei pendolari” sarà allegata alla lettera dei sindaci all’Agenzia. 

15/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Tim Cup: Alessandria-Giana Erminio 0-1 Le foto di Gianluca Ivaldi
Tim Cup: Alessandria-Giana Erminio 0-1 Le foto di Gianluca Ivaldi
Centauri 2018: primo gruppo
Centauri 2018: primo gruppo
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani