Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Distretto: ci si divide tra innocentisti e colpevolisti

E c'è anche chi ha dichiarato la sua posizione pubblicamente sui social mentre tra corridoi e uffici è palpabile una maggiore tensione
OVADA - “La giustizia deve fare il suo corso. Quel che mi preme sottolineare è che il Distretto rappresenta una risorsa per tutto l’Ovadese e che è una realtà che funziona. Noi sindaci lavoreremo per mantenerlo operativo”. Prende una posizione decisa Paolo Lantero, primo cittadino di Ovada, a due giorni dal terremoto causato dalla notizia dei 22 avvisi di garanzia a carico di altrettanti dipendenti Asl Al all’ospedale vecchio accusati di truffa aggravata ai danni dello stato per le loro assenze ingiustificate dal posto di lavoro. Ha fatto il giro della città la notizia dopo che già nei giorni precedenti in tanti avevano notato le auto della Guardia di Finanza. E se rimane il riserbo a proposito dei protagonisti della vicenda in attesa dell’udienza preliminare che potrà confermare le accuse oppure decretare il ridimensionamento della vicenda, c’è anche chi qualche giorno fa ha deciso di dichiarare pubblicamente il suo status di indagato. E’ Massimo Surdi, difeso dal legale Luciano Crocco. “Sono certo – ci ha dichiarato quest’ultimo - di poter ottenere l’archiviazione. Le uscite del mio assistito fuori dalla sede del distretto sono tutte riferibili a esigenze di servizio. Sto predisponendo una memoria che depositerò in Procura coi documenti che provano il regolare comportamento di Surdi e la richiesta del mio assistito di essere interrogato dal pm”. Attende le risultanze processuali anche l’Asl che ha comunicato la sua intenzione di costituirsi parte civile, nel caso le circostanze lo richiedano. In città l'opinione pubblica sembra equamente divisa tra chi punta il dito sul comportamento dei lavoratori coinvolti e chi invece sebra maggiormente incline a aspettare l'evolversi degli eventi. Nel frattempo la vita prosegue nei corridoi del Sant’Antonio pur in un clima di tensione palpabile”.

 

21/04/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione