Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Belforte Monferrato: si ricorda il deragliamento al Gnocchetto

Sabato 10 marzo, alle ore 15.30, presso la lapide che si trova vicino alla Chiesa del Santissimo Crocifisso di Gnocchetto, il sindaco Franco Ravera ricorderà i deceduti dall'attentato - organizzato dai partigiani - ad un treno su cui avrebbero dovuto viaggiare decine di soldati tedeschi
OVADA - Si terrà sabato pomeriggio la commemorazione delle 18 vittime del deragliamento ferroviario avvenuto il 27 febbraio 1945. Da ormai 73 anni tutto il territorio Ovadese si stringe attorno al tragico fatto avvenuto entro i confini del Comune di Belforte Monferrato. Sabato 10 marzo, alle ore 15.30, presso la lapide che si trova vicino alla Chiesa del Santissimo Crocifisso di Gnocchetto, il sindaco Franco Ravera ricorderà i deceduti dall'attentato - organizzato dai partigiani - ad un treno su cui avrebbero dovuto viaggiare decine di soldati tedeschi. Ma da Genova, per circostanze mai chiarite, venne fatto partire prima l’accelerato per Torino, carico di pendolari, che raggiungevano le famiglie sfollate in Piemonte. Quando il treno giunse nel punto in cui erano stati allentati alcuni bulloni dei giunti delle rotaie, la motrice si staccò dalle vetture, la prima vettura ed il bagagliaio si rovesciarono nel ritano e le altre vetture si inclinarono su un fianco. 

Il deragliamento ebbe luogo sul ponte che collega la galleria della Rocca con la galleria del Ciso, nella valle del Ritano del Cecio, sul confine con la Liguria. Secondo recenti aggiornamenti, i morti furono diciotto, i feriti ventitré. Sul posto intervennero i militi della Croce Rossa di Genova ed una parte dei feriti vennero trasportati all’ospedale di San Martino. Le opere di soccorso furono ardue; giunsero medici, vigili del fuoco, furono usate fiamme ossidriche per liberare gli imprigionati tra le lamiere. Uno spettacolo terrificante tra pianti, lamenti, urla. I tedeschi fecero distribuire un manifestino, dal quale risultavano  26 morti e 40 feriti. All’alba, erano pronti a distruggere tutto l’abitato di Gnocchetto, se tra i morti si fosse trovato un solo tedesco. Ciò non accadde e la frazione fu salva. 
 
Vittime decedute a Gnocchetto:
Domenico Camera di  Genova, 33 anni, manovale
Martino Daidone   di  Genova, 36 anni, marittimo
Alberto Ferrando  di  Genova, 44 anni, esercente
Adolfo Lanzarotti  di  Genova, 42 anni, pescivendolo
Giuseppe Musumeci  di  Genova, 23 anni, marittimo
Antonino Marino  di  Genova, 42 anni
Andrea Scurfogliozzo  di  Genova, 38 anni
Aristide Monzeglio  di  Genova, 50 anni
Giuseppe Cabella  di  Gavi, 39 anni, operaio
Giuseppe Cavallero di Genova Sestri, 40 anni, elettricista
Virginia Lolli  di  Rapallo, 32 anni
Bruno Cevasco  di  Bargagli, 30 anni, contadino
Domenico Guarnaschelli  di  Chiavari, 61 anni, conduttore ferrovie
Giuseppe Romani di Genova Rivarolo, 52 anni, manovale
Demetrio Massimo Marzocchi di Torino, 36 anni, falegname.
 
Vittime morte negli ospedali di Ovada o Genova:
Sgarlata Vittorio
Landi Armando
Barboro Secondo
8/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi