Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Terremoto politico

Il voto del 6-7 maggio ci fa entrare in una fase nuova e ancora da decifrare in quanto a prospettive future, in particolare se traguardate alle prossime elezioni politiche che si dovranno tenere, al massimo, da qui ad un anno ma che, soprattutto in caso di implosione della destra subito dopo il secondo turno elettorale, potrebbero essere anticipate al prossimo autunno
Ne esce una strana geografia dove è vero che il centrosinistra esce non poco avvantaggiato, visto e considerato che va al ballottaggio nelle principali municipalità oggetto di rinnovo amministrativo, con le importanti eccezioni di Verona e Lecce, tenute rispettivamente da Lega e Centrodestra. Ma anche dove le coalizioni progressiste possono legittimamente esultare, si affermano in molti casi candidati sindaco che non sono espressione del partito maggiore, ovvero il PD.

Crolla il PdL, che appare oggi un raggruppamento allo sbando, privo di leadership, di programma e di un credibile progetto di rilancio, dopo la rovinosa uscita di scena del Cavaliere. Non va meglio alla Lega Nord, che può solo in parte consolarsi grazie al brillante risultato ottenuto nella città scaligera da Flavio Tosi, a torto o ragione, uno dei sindaci più amati d’Italia e comunque, un militante atipico, visto l’anatema scagliato contro di lui poco tempo fa dal Segretario del suo stesso partito.

Il centro rimane sostanzialmente al palo, malgrado alcune buone performances e la partecipazione a diversi ballottaggi. Invece, queste elezioni saranno ricordate per la definitiva consacrazione del Movimento 5 Stelle, ispirato dalla verve del comico genovese Beppe Grillo che riesce ad ottenere risultati eclatanti a Parma, dove il movimento andrà allo spareggio finale tra un paio di settimane, e Genova; piazza inoltre dei buoni terzi posti in città importanti come, per l’appunto, Alessandria.

E a proposito del capoluogo piemontese, i risultati di Rita Rossa (che prefigurano una vittoria quasi certa del centrosinistra al ballottaggio) e quelli del sindaco uscente Piercarlo Fabbio appaiono sostanzialmente in linea con le attese. Stesso discorso, anche se in tono minore per l’Udc di Barosini e la Lega di Sarti. Anche qui la vera sorpresa risulta l’affermazione nelle proporzioni del movimento dei grillini guidati da Angelo Malerba che, forti di un 12% circa, hanno raccolto (per ora) il massimo risultato in termini di voti alternativi ai partiti tradizionali, con buona pace della lista ispirata da Corrado Parise, accreditato secondo i sondaggi della vigilia di un risultato di ben diverse proporzioni.

Male infine anche l’ex-Sindaco Mara Scagni che va poco al di là di un paio di punti percentuali, e poco lusinghiere percentuali anche per il conglomerato delle altre liste minori.

Non sappiamo ancora a questo punto se ci saranno apparentamenti per il secondo turno, ma il vantaggio di Rita Rossa è tale che potrebbe anche decidere di correre il secondo e definitivo turno da sola o al massimo apparentandosi con l’Udc, senza doversi sottoporre a soverchi rischi, posta la pressoché impossibile rimonta da parte del sindaco uscente.

La sinistra ritornerebbe così alla guida della città, ma in una condizione che, considerato anche lo stato delle casse comunali, si presenta di grande complessità e di difficile governo, in un momento nel quale un rilancio effettivo del capoluogo richiederebbe invece significativi investimenti. Insomma, una prospettiva assai poco invidiabile, anche per una persona dalla indiscussa esperienza, ma che causa forza maggiore farà già fatica a realizzare l’ordinaria amministrazione.

Con queste premesse, è chiaro che il voto dei due giorni appena trascorsi ci lascia in eredità un Paese impaurito dalla crisi, sfiduciato nei confronti dei partiti tradizionali, poco voglioso di incoraggiare le forze che sostengono l’attuale governo Monti e, in definitiva, alla ricerca di uno sbocco, anche di rottura, nei confronti dell’attuale classe politica.

Si tratta di una situazione non facile, impensabile tra l’altro fino a pochi mesi fa (certamente fino alle sorpendenti elezioni di Milano e Napoli dello scorso anno). Di conseguenza l’elettorato ha puntato o sulla persona (come nel caso di Tosi), o sul voto a partiti critici nei confronti del governo e/o del sistema politico; oppure, più semplicemente, non e’ andato a votare.

Nel frattempo continuano a susseguirsi notizie drammatiche provenienti dal mondo del lavoro, delle professioni, dell’economia. Anche la gambizzazione di un dirigente dell’Ansaldo a Genova da conto di una situazione sociale che se non troverà sbocchi politici credibili in tempi rapidi potrebbe diventare veramente esplosiva.

Se uniamo questi fattori alla complessità dello scenario internazionale, ivi compresa la difficile congiuntura post-elettorale della Grecia e le possibili ripercussioni sull’economia, ne deduciamo che si apre una stagione di grande incertezza, prevedibilmente fluida, nella quale lo stesso governo italiano rischia di ritrovarsi a breve senza maggioranza.

Sta alla politica ed ai suoi attori principali decidere quali contromisure mettere in campo prima che la crisi di credibilità senza precedenti che investe, con modalità ed in misure diverse, l’intero arco dei partiti tradizionali degeneri fino al punto di mettere in discussioni le stesse basi della convivenza democratica nel Paese. 

[Da appuntialessandrini.wordpress.com]
9/05/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa