Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

“Quando tutto è a portata di un click”

L’importanza di educarsi ed educare ad un uso consapevole delle nuove tecnologie. Proibirne l’uso, oltre che impossibile, sarebbe controproducente perché innescherebbe conflitti e non aiuterebbe a proteggersi dai pericoli della Rete
SOCIETA' - Giochi violenti o d’azzardo, adescamenti via WhatsApp, selfie intimi diffusi via Facebook, cyber bullismo: nessun genitore oggi può stare tranquillo quando il proprio figlio ha la testa china sul cellulare o sul tablet. Le nuove tecnologie digitali fanno ormai parte della quotidianità di adulti e ragazzi e si stanno diffondendo sempre più anche tra i più piccoli, i social network sono ormai per i ragazzi un luogo irrinunciabile di espressione di sé e di incontro: proibirne l’uso, oltre che impossibile, sarebbe controproducente perché innescherebbe conflitti e non aiuterebbe a proteggersi dai pericoli della Rete. L’attività di prevenzione e sensibilizzazione che in questo contesto la Polizia Postale sta portando avanti specie nelle scuole medie e superiori è molto utile per aiutare i propri figli a muoversi nel mondo virtuale in sicurezza, tuttavia l’azione educativa della famiglia resta fondamentale, data la quotidianità con cui si fruisce di tali strumenti e la loro facilità di accesso.

Così come un genitore non lascerebbe mai guidare un figlio senza patente o non gli permetterebbe di girare la sera in certe zone della città, così non si può lasciare un bambino o un adolescente davanti ad un dispositivo con accesso ad Internet per ore senza spiegargli funzionamento, potenzialità e rischi e senza un adeguato controllo.

La velocità di diffusione delle nuove tecnologie tra i giovani è stata di gran lunga superiore alla capacità degli adulti di aggiornarsi e acquisire adeguate competenze per poter guidare i figli in questo uso e anche gli adulti con competenze informatiche spesso vengono spiazzati dalla velocità con cui le nuove tecnologie entrano nella vita dei figli e la cambiano.

I genitori che percepiscono i figli più competenti di loro stessi nell’uso dei nuovi strumenti digitali devono, tuttavia, tenere conto dell’immaturità emotiva e psicologica che non permette ai giovani di riconoscere e proteggersi adeguatamente dai rischi della rete e del loro istinto naturale a esplorare volutamente, e incuranti dei rischi, territori proibiti, navigando in siti off limits, scambiandosi immagini e informazioni sui cellulari, pubblicando foto e contenuti che ignorano totalmente come possono essere utilizzate e da chi.

I genitori, quindi, devono loro per primi “educarsi” ad un uso corretto e sicuro di tali strumenti, acquisire le conoscenze necessarie su potenzialità e rischi e sulle modalità di garantirne un uso in sicurezza, ad esempio frequentando corsi dedicati all’argomento, consultando le numerose guide on line o anche, perché no, facendosi insegnare direttamente dai propri figli, è un modo per passare del tempo insieme e non lasciarli soli con la tecnologia.

È indispensabile, poi, stabilire regole e limiti ben precisi riguardo a orari, luoghi di possibile utilizzo e modalità di accesso sia in casa che fuori casa di questi strumenti, fare in modo che i minori li possano utilizzare in momenti e in luoghi in cui diventi possibile una supervisione da parte dell’adulto. Anche il cellulare deve essere “un affare di famiglia”, nel senso che attraverso un patto educativo condiviso si deve stabilire fin dall’inizio con i propri figli che il loro entrare in possesso di un cellulare implica che i genitori possano averne libero accesso e possibilità di controllarne contenuti e contatti. Non è un’intrusione, è una responsabilità educativa!

Occorre poi rendere consapevoli i minori, attraverso il dialogo e il confronto, dei rischi connessi ad un uso improprio di internet e delle implicazioni anche legali di scaricare e divulgare materiale in Rete e delle necessarie misure auto-protettive da usare in caso di necessità.

Solo attraverso un’adeguata formazione propria e del minore sull’uso consapevole e sicuro di questi strumenti, si può passare da una situazione in cui la presenza costante dell’adulto regola, controlla, eventualmente interviene e limita al concedere gradualmente ai ragazzi una gestione più autonoma e sganciata dal controllo dell’adulto.

Web e social network sono davvero un fantastico spazio da esplorare: a noi il compito di scoprirli e capirli, senza paura, ma con consapevolezza.

Dott.ssa Lorena Boscaro
Psicologa, Psicoterapeuta
Studio FisicALmente, Alessandria
lorena.boscaro@virgilio.it
fisicalmente@gmail.com

12/02/2019

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano