Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

PENSATE DI STILE - Il cappotto

Uno grande classico del guardaroba femminile torna in vetta, un esempio di solida eleganza, un capo "rubato all'uomo" sempre pronto a rivivere e a ricomparire
NOVI LIGURE - Il cappotto torna in vetta alla classifica del guardaroba femminile: essendo la moda uno specchio dei tempi, in periodi di crisi è facile trovare un porto sicuro nell’eleganza solida e rassicurante dei grandi classici. Ecco spiegato il revival di pezzi cult come le giacche Armani, le borse Hermes e Louis Vuitton, le scarpe Roger Vivier o i tailleur Chanel. Tra questi domina il cappotto, che le grandi firme della moda ripropongono (ciascuna a seconda del proprio stile) da sempre per la moda invernale.

Il cappotto ha una storia lunga e variegata, tanti sono i modelli quante le tappe e le trasformazioni che ha affrontato negli anni. La nascita di questo capo di abbigliamento risale agli albori del 19° secolo. Immaginate gli anni della Rivoluzione Industriale: il modo di vivere cambia radicalmente e allo stesso tempo si modifica l’abbigliamento, non solo grazie alla nascita della produzione in serie, ma anche per via di tutte quelle trasformazioni nella vita di tutti i giorni. Un esempio pratico è lo sviluppo delle stazioni ferroviarie e, successivamente, delle automobili: uomini e donne si spostano più frequentemente e quindi diventa impossibile continuare a indossare balze, pizzi e crinoline!

Ecco che allora la donna “ruba” all’uomo – che da sempre ha un abbigliamento molto più pratico – il paltò, facendolo suo. Sarti e couturier iniziano a disegnare modelli di paltò femminili, modificandone il bavero e trasformandoli in cappotti. Con il passare degli anni (siamo ora ai primi del ‘900) il design dei cappotti si affina e si fa più ricercato: quelli da viaggio sono comodi e caldi, quelli da sera hanno bottoni gioiello e lunghi strascichi. Intanto la moda, i grandi nomi e le case di produzione, diventano popolarissimi grazie alle riviste di settore. E’ da questo brackground che Achille Maramotti, nel 1951, ha un’intuizione epocale: rendere la moda accessibile anche alla media borghesia. La moglie del medico di paese è il suo target di riferimento, e per lei crea un marchio destinato a diventare storia: Max Mara.

L'immagine del cappotto rimane al top anche nel ventennio successivo, anche se con qualche mutamento: cambiano i materiali, da panno e lana si passa alle fibre sintetiche, e cambiano i modelli, come il montgomery, sportivo e versatile, e cappe e mantelle tipiche degli anni ‘70. Tuttavia la chiave di volta è il 1981, quando Anna Marie Beretta modella per Max Mara la quintessenza del cappotto femminile, sinonimo dell’eccellenza del Made in Italy: di cachemire, color cammello, lungo fino al polpaccio e con le maniche a kimono, è il celebre cappotto 101801. Max Mara lo propone da allora in ogni sua collezione, arrivando ad oggi a circa 150 mila esemplari prodotti.

Da allora, il cappotto riscalda le nostre giornate autunnali, accompagnandoci nei mesi più freddi e nelle rigide sere d’inverno: niente è più chic di un volto femminile protetto e maliziosamente nascosto dal bavero di un morbido cappotto…
14/11/2013

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa