Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Olivi salentini

Come forse saprete, da poco più di un anno gli oliveti di una zona della Puglia sono stati colpiti da una malattia detta CoDiRO, il Complesso del Disseccamento Rapido degli Olivi, una malattia che colpisce le piante e le porta velocemente alla morte
OPINIONI - Come forse saprete, da poco più di un anno gli oliveti di una zona della Puglia sono stati colpiti da una malattia detta CoDiRO, il Complesso del Disseccamento Rapido degli Olivi, una malattia che colpisce le piante e le porta velocemente alla morte.
Non se ne conoscono le cause precise. C’è chi dà la colpa ai funghi, chi accusa i diserbanti a base di glifosato, chi parla di malattie che son lì fin dalla notte dei tempi e che possono essere curate con metodi “naturali”. Sono tutte ipotesi plausibili (alcune più plausibili di altre) e che devono essere studiate, ma quel che è certo è che un batterio pericoloso, la Xylella fastidiosa, c’è e si sta diffondendo verso nord, là dove con l’olio ci si vive.
Viste analoghe epidemie in altre parti del mondo, si è pensato che la causa principale, oltre ad una scarsa cura degli uliveti, sia appunto il batterio, per la precisione il suo ceppo ST53, diffuso da un insetto, la sputacchina (Philaenus spumarius).
La soluzione proposta, certamente drastica ma da precedenti esperienze probabilmente risolutiva, era di sradicare gli olivi infetti e fare una zona di ‘barriera’ intorno alle aree colpite. In questo modo l’insetto non avrebbe potuto contagiare nuove piante.
Il presidente nazionale di Confagricoltura, nell’ottobre del 2015, ha affermato: “L’emergenza Xylella deve essere risolta e tutti i protagonisti devono responsabilmente svolgere la propria parte! Ne va del futuro dell’olivicoltura nazionale e del settore vivaistico italiano. Non è più il tempo di ipotesi alternative. Occorre andare nella direzione dell’estirpazione delle piante infette per tutelare la nostra olivicoltura e la nostra agricoltura; venir meno a questi obblighi danneggia tutti, favorisce l’espandersi della fitopatia, come già accaduto con l’allargamento della zona infetta.”
Tutti d’accordo? Ovviamente no. “Non c’è nessuna emergenza!” ha dichiarato il Procuratore Cataldo Motta nel corso della conferenza stampa di dicembre nella quale è stato presentato il decreto di sequestro degli olivi, “Xylella è presente in Puglia da almeno vent'anni e ne esistono ben nove ceppi diversi”. La presenza del batterio sul territorio salentino da molti anni sarebbe la prova, secondo la Procura, dell’innocuità del batterio, tanto da giustificare il sequestro degli alberi e il blocco del piano di contenimento.
Le affermazioni del dottor Motta non hanno convinto i ricercatori, e Le Scienze ha avviato una raccolta firme per poter avere i dati scientifici alla base della decisione e poter studiare il problema con tutte le informazioni disponibili.
Ma è vero che Xylella c’è da così tanto tempo? Ed è vero che ci sono addirittura nove ceppi?
Uno studio pubblicato il 2 Marzo sulla rivista "European Journal of Plant Pathology" afferma, sulla base delle numerose analisi effettuate sugli olivi salentini, che c’è un solo ceppo di batterio, non nove, originato da un’unica introduzione nel territorio salentino di una pianta costaricana contaminata.
Il 30 Marzo, un comunicato ufficiale dell’EFSA, l’ente europeo per la sicurezza alimentare, ha assestato un duro colpo alle speculazioni dei complottisti riguardo al disseccamento degli olivi pugliesi. Oggi chi afferma che non ci siano buone ragioni per collegare l’epidemia di CoDiRO alla Xylella fastidiosa dovrà farlo contro le evidenze scientifiche del contrario, che vanno accumulandosi sempre più.
E nel frattempo, gli olivi che secondo gli studiosi e la confagricoltura dovevano essere abbattuti per fermare l’epidemia sono ancora sequestrati, e sono ancora in piedi a diffondere l’infezione. Meno male che possiamo importare olio dalla Tunisia.
Alla prossima.
8/04/2016
Claudio Casonato - redazione@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione