Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Messaggi in bottiglia

Da soli non c'è storia

Cos'è la psicoterapia? Come funziona? E chi è uno psicoterapeuta? Si tratta di qualcuno che ha come compito centrale quello di prendersi cura dell'altro, a patto che abbiamo imparato a prendersi prima di tutto cura di se stesso.
MESSAGGI IN BOTTIGLIA - A distanza di quasi due anni dalla prima edizione di questa rubrica, vorrei riprendere uno dei temi centrali sui quali Messaggi in Bottiglia ha trovato la sua ragione di esistere: la psicoterapia. Cos’è? Come funziona? E chi è uno psicoterapeuta? Un medico, uno sciamano, un prete, un filosofo? Chissà, forse è un po’ di tutto e anche niente, di certo è qualcuno che ha come compito centrale quello di prendersi cura dell’altro, a patto, però, che abbia imparato a prendersi prima di tutto cura di se stesso, pur con qualche caduta inevitabilmente connessa al fatto di essere umani.

Perché avere cura di sé è il primo dovere di uno psicoterapeuta, non è qualcosa che può scegliere di fare, anzi, è un presupposto necessario: il prendersi cura, infatti, è un processo che si attua solo nell’incontro tra due soggetti che si ritrovano a scrivere una nuova storia, al termine della quale nessuno dei due sarà più lo stesso.

Del resto, il termine terapeuta deriva dal greco therapon, ossia colui che porgeva le frecce al guerriero che doveva combattere per la propria vita e che, perciò, era incaricato di prendersi cura di lui, di assisterlo nel momento di difficoltà. Il verbo therapeuo, inoltre, significa curare, servire, assistere, coltivare e portare il frutto a piena maturazione; allora lo psicoterapeuta, il terapeuta della psiche, dovrebbe fare proprio questo: accompagnare il suo paziente nel percorso di maturazione, preparando e dotandolo volta per volta degli strumenti che gli sono necessari per vivere ogni giorno, “anche se qualche stupidata la fai comunque, ma in modo diverso e più consapevole”.

Le parole sono di una mia cara amica, Regina, che ringrazio perché mi ha donato la narrazione della sua storia terapeutica, consentendomi di esprimere con efficacia e profondità ciò che solo chi ha vissuto l’esperienza può raccontare: “È stato il più bel viaggio che abbia mai fatto, mi ha aiutato a vedere e accettare parti di me che negavo, a capire che a volte bisogna essere disposti a sporcarsi le mani, a mettersi in discussione, perché solo così si riesce ad accettare se stessi per come siamo, e quindi anche gli altri. Ci sono anche momenti profondamente dolorosi, di disperazione, ma ho imparato che less is more, che bisogna sapersi lasciare alle spalle fardelli inutili che ci tolgono l’energia positiva perché cambiando atteggiamento cambia tutto il corso delle cose, cambiano le relazioni, cambi tu” e nasce un nuovo sé, solo ed esclusivamente dall’incontro unico e irripetibile tra l’Io e il Tu.

Le persone, infatti, esistono solo nella relazione con gli altri, in un dialogo costante che si svolge contemporaneamente con i propri pensieri ed emozioni e con tutto il mondo di esperienza e affetti portato dall’altro. Solo così chi fa il mio mestiere può aiutare i pazienti nel compito più difficile che li aspetta, ossia, come direbbe Freud, ad affrontare la vita ostile.

“Tutti i viaggi hanno destinazioni segrete di cui il viaggiatore non è consapevole” (M. Buber)
 
27/10/2014
Daria Ubaldeschi - mib@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano