Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Lissòndria, la mé sità, la cumpis i-jani, i son zà otzentequarantanòv

E quest'anno sono 849. Alessandria, città né grande né piccola, dal grande passato, anche se spesso non ce lo ricordiamo. Come quella storia del '600 quando venne vietato di vendere i mattoni di casa...
LISSONDRIA - La mé sità, Lissòndria, ist'ani l'ha cumpì otzéntequarantanov ani. Però absogna dì che ai porta bén, oddio l'è pù la zgarzivula dnà vòta ma, se chi vòri mai, per mé lè sémper la mé sità e ai voi bén per cul ch'a lè.
A l'è né cita né gròsa, l'è in amzüra media, l'é na sità che 't pori giréla tüta dal Crist an 't i-j Ort an mezüra ... o zù da lé. E 'cmé tüt el sità del mond l'ha la sò storia, na storia clà vén da luntòn, pensa 'n pò, dal milasentesessantòt (1168). Nuiatér adèss as lamentuma di noster pulitic, ebén pensa che andònda andréra con i-jani e precisamént al milasessénteventisez (1626 ) suta la duminassiòn spagnola, i nostér vègg, i-jhòn fina duvì sfè del cà per vendi i mòn e paghè i siuròtt che i cmandavu anlura. Propi acsé, adèss av chént la listoria: I devi savéij che Lissòndria l'è semper stacia ubligaja a insupurtabil incumbénsi da part dl'Autorità militar che, tücc i dì, i pretendivu del grön. Sti fisti orb, i-jandavu nénta tònt pru sutil, basta ciücè grön, granaia roba da mangè per alimentè cula gigantesca guarnigiòn stansiai-ja a diféiza dla sità.
E i-jën d'i-jani pü balurd dla nostra listoria l'è stacia cula del milasessènteventiséz (1626) pr èl preputénsi pati-j dai lissandrén d'anlura. El robi i-jandavu 'csì mà e la miseria l'era 'csì palpabìl che basta fè sù dèl gròn, is sòn truvà an cundissiòn ad sfè 'l cà 'd Bergoglio per vendi i mòn e atér material (all'epoca era merce costosa)
La facénda 's fava seria, i Deputati i 'cmensavu a strenzi per la poura dna rivolta, e anlura u siur Podestà l'è stacc ubligà a réndi püblica 'n'urdinònsa che pù o meno la diva:
"Anzën per anzën mutiv, us dév pié la libertà 'd demulì o sfé 'l cà sensa finì ant'èl penalità stabili-j dal reguli del Sen. Ecc.mo. El punissiòn cunseguenti i sarròn ezegui-j sensa remissiòn ancontra a qualunque criminàl".
La listoria del milasént e ciüfla però, la spiega uari 'mé ch'u sè rizolt 'l prublema. Um sa tònt che u s'è rizolt ant'la solita manéra: "chi cl'ha avì l'ha avì, e chi cl'ha dacc l'ha dacc"...anlura 'mé ancò!

Alessandria, la mia città compie gli anni, sono gia 849
La mia città, Alessandria, quest'anno compie 849 anni. Però bisogna dire che li porta bene, oddio non è più lo splendore di un tempo ma, cosa volete mai, per mè è sempre la mia città e le voglio bene per quel che è.
Non è piccola e nemmeno grande, è una misura media, è una città che puoi girarla tutta, dal Cristo agli Orti in mezz'ora.. o giù di lì.

E come tutte le città del mondo ha la sua storia che viene da lontano, pensa un pò, dal millecentosessantotto (1168). Noi ora ci lamentiamo dei nostri politici ebbene, pensa che tornando indietro con gli anni, e precisamente nel milleseicentoventisei (1626) sotto la dominazione spagnola, i nostri antenati hanno persino dovuto disfare le case per vendere i mattoni per poter pagare i signorotti che dominavano all'epoca. Proprio così, ora vi racconto la storia: Dovete sapere che Alessandria è sempre stata obbligata a insopportabili vessazioni da parte dell'Autorità militare che, ogni giorno, pretendeva una certa somma di denari. Molte le prepotenze, la soldataglia non andava molto per il sottile, la miseria era tale che, pur di far denari, si disfacevano le case in Bergoglio e se ne vendevano i materiali.
La faccenda si faceva preoccupante, i Deputati cominciavano ad aver paura di una rivolta, e allora il signor Podestà fu obbligato a rendere pubblica una ordinanza che, più o meno, diceva: "Nessuna persona di qualunque condizione sociale sia, e sotto qualsivoglia pretesto, non ardisca demolire o disfare né far disfare case alcune sotto la pena di incorrere nelle pene statutarie all'arbitrio del Sen. Ecc.mo. Le pene conseguenti s'eseguiscono irremissibilmente contro qualunque delinquente."
La storia del millecento e fischia, però, non spiega affatto come venne risolto il problema. Probabilmente nella solita maniera:"chi ha avuto ha avuto, e chi ha dato ha dato"...allora come oggi!


Rivista di "Storia Arte e Archeologia" – "Distruzione di case in Alessandria." Doc. 1626
Memorie e notizie. (a. VIII, f. pp. 7-8)
29/05/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa