Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Liceo o istituto tecnico: qualsiasi sia la scelta, la scuola va fatta con il massimo impegno

Liceo o istituto tecnico? È la domanda che da qui alla fine di gennaio terrà svegli molti genitori, i cui figli dovranno iscriversi alle scuole superiori. Facile dire che bisognerebbe seguire l'inclinazione dell'alunno. Il problema è che a 13 anni scegliere il percorso scolastico non è facile
OPINIONI - Liceo o istituto tecnico? È la domanda che da qui alla fine di gennaio terrà svegli molti genitori, i cui figli dovranno iscriversi alle scuole superiori.
Facile dire che bisognerebbe seguire l'inclinazione dell'alunno. Il problema è che a 13 anni scegliere il percorso scolastico non è facile, le idee sono tutt'altro che chiare per la maggior parte degli studenti. Si tratta della prima decisione importante, che ha un'influenza su tutta la propria vita. Anche se molti non ne sono affatto consapevoli, ma questo è un altro discorso.
La decisione del percorso scolastico viene presa ascoltando il parere degli insegnanti delle scuole medie, che si presume conoscano i propri allievi, i genitori e partecipando agli open day. In queste occasioni gli istituti superiori tirano a lucido la propria struttura e pubblicizzano i loro programmi educativi. Spesso una visita superficiale non riesce a dare un'idea precisa, che aiuti a scegliere.

E poi ci sono gli amici. Ebbene sì, quello che fanno gli amici è ancora una variabile che pesa molto nella scelta della scuola.
Ma ho la sensazione che i genitori facciano ancora la parte del leone nella scelta del percorso scolastico. Tre strade principali sono tre: il liceo, l'istituto tecnico industriale con tutte le sue specializzazioni e quella che veniva chiamata scuola professionale, con un ciclo di studi più breve.
Nel momento in cui si decide di intraprendere il percorso dei 5 anni, ecco che arriva il dilemma: liceo o istituto tecnico.

Ancora oggi per la maggior parte delle persone il liceo non fornisce un diploma “spendibile” immediatamente nel mondo del lavoro, al contrario dell'istituto tecnico, che ti fornisce anche una definizione più identificabile, come ad esempio “tecnico informatico”, solo per citarne uno, oppure un diploma nell'ambito agrario piuttosto che enogastronomico. Sembra che chi faccia il liceo sia gioco forza costretto a fare l'università.
Qualche giorno fa partecipando ad un incontro formativo organizzato per aiutare ragazzi e famiglie ad orientarsi nella scelta delle scuole, i professionisti chiamati a spiegare il mondo del lavoro, alla fine era concordi su un punto: la differenza è data, non dalla strada che si prende, ma da come si percorre. Infatti, la frase finale è stata: “qualsiasi scuola sceglierete, fatela bene. Cercate di imparare tutto quello che vi trasmettono perché questo vi sarà di enorme aiuto nel lavoro”. 
18/11/2015
Angela Agostino Gasparo - redazione@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani