Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

La sirena 'd Bursalén

La sirena scandiva sia la vita delle 'borsaline' sia quella della città. Ma con l'abbattimento della ciminiera (era lassù), anche l'antico segnale è andato perduto. L'ultima volta suonò per la morte di Teresio Usuelli, nel 1983
LISSONDRIA - Chi, cmé chi ch'él scriv, l'è nassì a Lissòdria del quarantën, el pò nénta avéi zmentià la sirena dla fabrica Bursalén. Bon-na part dla vita dlà sità l'era scandìa da la sirena 'd Bursalén.
La sunava sez vòti au dì: a 7,40 e 7,55 a la matén-na, e a mèzdì, per dim ch'l'éra ura d'andè a mangè. E pò turna alle 13,40 e 13,55 du dopmezdì, per finì a sez uri (alle 18) a la fén dla giurnà.
Ecco, cula del sez uri l'era la sirena ch'là piaziva pü tònt!
A l'era 'n spétacùl vighi el "bursalen-ni" (ist a l'erà u stradinòm che i'javu dacc) ch'i surtivu dal purtòn 'd via Cavour, pr'andè ad cursa a cà, a fè da mangè o, se i-jeru ancura da mariè, salütè 'l filarén cui spiciava, e sut brassët andè a fé na spassigiada ant la "vasca" 'd curs Ruma.
Cuca d'en-na, per la pressia, la finiva col rovi d'là biciclëta fra 'l rutai-j du tramwai e anlura l'crèp l'era assicürà, ma u i-jera sémper cuca d'ën ch'ai dava na mòn a tirèss sù.
Ma la sirena 'd Bursalén l'ha scandì onchesséi i mumént teribìl dla guera, quondi ch'la sunava per vertì i lissandrén ch'l'era ura 'd fè sü barachi e barachèn e andéss a scondi ant'i rifugi antiaerei e preghè che u Signur un déissa na mòn per sorti viv dai bumbardamént.
Ansuma, sensa che as'n'antai-jeisu la sirena l'era la nostra mustra, am diva quondi ch'l'era ura d'andè a travajè, e sl'era ura d'andè andò cum smiava, a la fén dla giurnà 'd travaj.
I l'avu piassaja ansüma dla ciminiera, oltre canal, e da l'ansüma la duminava tüt la sità. A prupozit, con an pò 'd lungimironsa i la pudivu salvé, almeno issa!
Ma, se chi vori mai, Lissòndria l'è semper stacia ant'el mòn di demulitür, quasi mai difendi-ja da i-jedificatür!
L'ültima vota ch'l'ha sunà l'è stacc del milanovsentutòntatrei (1983), quondi ch'l'è mort u Siur Teresio Usuelli, per cumpagnèl da ca sòva, an via Cavour, fina au simitéri.

La sirena di Borsalino

Chi, come chi scrive, è nato in Alessandria nel 'quarantuno, non può essersi scordato la sirena della fabbrica Borsalino. Buona parte della vita della città era scandita dalla sirena Borsalino.
Suonava sei volte al giorno: alle 7,40 e 7,55 al mattino, e a mezzzogiorno, per avvisare che era ora di andare a mangiare. E poi di nuovo alle 13,40 e 13,55 del pomeriggio, per finire alle sei, a fine turno.
Ecco, quella delle sei era la sirena che piaceva di più!
Era uno spettacolo vedere le "borsaline" (questo era il soprannome che gli era stato dato) quando uscivano dal portone di via Cavour, per correre a casa a preparare la cena o, se ancora non erano sposate, salutare il filarino che le stava aspettando e, sottobraccio, andare a fare una passeggiata nella "vasca" di Corso Roma.
Qualcuna, per la premura, finiva con le ruote della bicicletta fra le rotaie del tramwai, e allora la caduta era assicurata, ma c'era sempre qualcuno che le dava una mano per risollevarsi.
Ma la sirena di Borsalino ha anche contrassegnato i terribili momenti della guerra, quando la sirena suonava per avvisare gli alessandrini che era ora di raccogliere baracca e burattini e andarci a nascondere nei rifugi antiaerei e pregare Il Signore che ci aiutasse ad uscire vivi dai bombardamenti.
Insomma, senza che ce ne rendessimo conto, la sirena era il nostro orologio, ci diceva quando era l'ora di andare al lavoro, e se era l'ora di andare dove ci pareva al termine della giornata lavorativa.
L'avevano sitemata in cima alla ciminiera, oltre "canale" (ma questa è un'atra storia) e da lassù dominava l'intera città. A proposito, con un po'  di lungimiranza la potevano salvare, almeno quella!
Cosa volete mai, Alessandria è sempre stata in mano ai demolitori, quasi mai difesa dagli edificatori!
L'ultima volta che la sirena ha suonato è stato nel 1983, quando è morto il Signor Teresio Usuelli.
18/06/2017
Pidrén, l'anvud del magnòn d'i-j Ort - Piero Archenti - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Arzachena-Alessandria 0-0. Il dopo partita
Arzachena-Alessandria 0-0. Il dopo partita
Arti tra le mani
Arti tra le mani
Alessandria-Prato, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Prato, le foto di Gianluca Ivaldi
Con il Festival Adelio Ferrero quattro giorni di cinema e critica
Con il Festival Adelio Ferrero quattro giorni di cinema e critica
Alessandria-Prato 1-0. Il dopo partita
Alessandria-Prato 1-0. Il dopo partita
Monza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Monza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Alecomics 2017: le splendide foto di Vittorio Destro
Alecomics 2017: le splendide foto di Vittorio Destro
La Polizia vista da vicino, porte aperte per la festa del patrono
La Polizia vista da vicino, porte aperte per la festa del patrono
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
M5S: strade dissestate di città e sobborghi. Si interverrà?
M5S: strade dissestate di città e sobborghi. Si interverrà?