Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

La Borsalino siamo noi

Penso che il successo del Marchio sia il prodotto delle persone che, a vario titolo e per molto tempo, hanno lavorato alla Borsalino con competenza, amore, pazienza e, sovente, con grande fatica. Perdere questo personale significa gettare via un patrimonio di capacità, conoscenze, passione

OPINIONI - La Borsalino è l’argomento del giorno in Alessandria. È giusto che sia così, ma fra le tante parole spese ho anche sentito dire che “non è solo questione dei dipendenti che perdono il posto di lavoro”, ma anche del tramonto di “un marchio prestigioso che ha onorato la nostra città.” Ebbene, io penso che il successo del Marchio sia il prodotto delle persone che, a vario titolo e per molto tempo, hanno lavorato alla Borsalino con competenza, amore, pazienza e, sovente, con grande fatica. Perdere questo personale significa gettare via un patrimonio di capacità, conoscenze, passione. È già successo con gli argentieri, non deve succedere più

Ci siamo vantati per tutta la vita di quanto la Borsalino fosse grande, stupenda, mirabile, di come le Borsaline fossero libere e capaci, di quanto fosse grande il Senatore e straordinaria la Signora Usuelli. Ricordo con quanta pervicace passione si fosse gettata nell’impresa di realizzare il museo dopo aver salvato le collezioni, minacciate da figure opache e da pratiche consolidate di sottovalutazione del valore culturale dei reperti.

Un’impresa complicata perché non sempre le amministrazioni cittadine si erano distinte per correttezza e lungimiranza. Basti pensare all’insana decisione di abbattere la ciminiera “per ragioni di sicurezza”, quando di pericoloso in giro c’erano solo amministratori discutibili e faccendieri attivissimi. L’anima di tutto era lei. Non ha mai mollato e non mollerebbe nemmeno oggi, di fronte a quanto sta capitando. Se ci fosse ancora Giovanna Usuelli non riusciremmo a dormire la notte, tanto le sue parole ci scuoterebbero.

La Magistratura sta facendo la sua parte per evitare che altre situazioni opache continuino a rovinare la fabbrica, ma la città deve stringersi intorno ai lavoratori e al valore che essi testimoniano. Io chiedo a gran voce al Sindaco, che è uomo di cultura, di farsi promotore di un’azione che passi al di sopra delle politiche, che unisca la città allo scopo di salvare i posti di lavoro dei Borsalini e, con essi, la nostra storia. Se lo farà, non mancherà l’appoggio degli Alessandrini, perché questa vicenda tocca ognuno di noi.

Salvare la Borsalino con tutti i suoi lavoratori è un obiettivo fondamentale, una ragione sufficientemente forte per creare unione in un anno importante come quello che sta per iniziare, l’ottocentocinquantesimo dalla fondazione della nostra Città.

20/12/2017
Giulio Massobrio - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centauri 2018: primo gruppo
Centauri 2018: primo gruppo
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Mense: presidio sotto palazzo Rosso di lavoratori e sindacati
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Inaugurato il progetto Lara: gli amici a 4 zampe entrano in Ospedale
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Uno sguardo al futuro: undici artisti indagano sul nostro domani
Inaugurato il nuovo Centro Giovani ai Giardini Pittaluga
Inaugurato il nuovo Centro Giovani ai Giardini Pittaluga
Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco