Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

L'Oratorio della Confraternita, meraviglia sconosciuta

Se questa meraviglia fosse, per dire un nome a caso, nel cuore della Francia ci sarebbero i bus-charter per venire a vederla. Ma si sa, noi siamo talmente ricchi di bellezze che non solo non le sappiamo mostrare agli altri, ma neppure ce le godiamo perché letteralmente non le vediamo
OPINIONI - Difficile trovare anche in tutto il nostro territorio una concentrazione di opere d’arte, singolari per la loro individuale bellezza, ma ancora più straordinarie per la combinazione che le vede convivere sotto lo stesso tetto: parliamo dell’Oratorio della Confraternita di Santa Maria Maddalena di Novi Ligure. So per certo che se questa meraviglia fosse – per dire un nome a caso – nel cuore della Francia ci sarebbero i bus-charter per venire a vederla. Ma si sa noi siamo talmente ricchi di bellezze che non solo non le sappiamo mostrare agli altri, ma neppure ce le godiamo perché letteralmente non le vediamo, le trapassiamo qualche volta, le ignoriamo spesso, le abbattiamo – troppe volte.

Il singolare e fortunato destino di questa perla è stato, per così dire, di essere in mano a una Confraternita che nei secoli ha saputo preservarne l’incolumità, tramandandone senza alterarle le sembianze inconfondibili. “La facciata della chiesa, costruita tra XVI e XVII è piuttosto semplice, soprattutto se paragonata al suo ricco interno, unico motivo decorativo due lesene, che inquadrano la parte centrale coronata da un frontone triangolare. Sopra l’ingresso principale è murata un’epigrafe, che ricorda le indulgenze lateranensi estese da Clemente XII, nel 1732, all’oratorio della Maddalena, in quanto membro della “sacrosanta Basilica Lateranense, Madre di tutte le Chiese”.

Nella nicchia sopra il portale è posta una statua in marmo della Maddalena che, secondo i dettami dell'iconografia classica, è rappresentata con il Libro nella mano sinistra ed il vaso degli unguenti nella mano destra. Internamente la chiesa ha un impianto allungato, ad aula unica, terminante con un coro, non particolarmente ampio, separato dalla navata da una struttura a tre archi, quelli laterali disposti obliquamente, quello mediano, più alto, fa da cornice all’altare maggiore ed ospita il gruppo fittile del Compianto. Nella parte superiore si colloca l’altare della Natività ed il grandioso complesso ligneo del Calvario. Realizzato da artisti fiamminghi verso la fine del Cinquecento, il gruppo scultoreo comprende ventunofigure umane e due cavalli a grandezza naturale. Sullo sfondo un grande affresco rappresenta l'Empireo con Dio, gli angeli e i santi che accolgono Gesù alla fine dei tormenti.

Nella navata due cappelle, di costruzione settecentesca, si aprono ai lati dell’area presbiteriale. Le pareti dell'aula sono scandite da paraste ioniche, leggermente aggettanti, con membrature in stucco, sormontate da una trabeazione continua sopra la quale si imposta una volta a botte ribassata e periodicamente tagliata da unghie triangolari. All'interno della chiesa è visibile un plastico di Novi Ligure nel 1750, quando ancora erano presenti le mura e i quattro punti d’accesso.” Questo è quanto si trova su Internet, ma in rete non si trova il racconto di come ci si sente all’interno di quel “teatro del sacro” di cui parlava Giovanni Testori per il Sacro Monte di Varallo Sesia. La Maddalena è il trionfo dell’immagine sull’iconoclastia.
18/07/2015
Maria Luisa Caffarelli - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


StrAlessandria 2019
StrAlessandria 2019
'Canapa in Festival' a Borgo Rovereto, le immagini della prima edizione
'Canapa in Festival' a Borgo Rovereto, le immagini della prima edizione
Alessandria-Albissola 3-0, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Albissola 3-0, le foto di Gianluca Ivaldi
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale