Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Insegnare, questo è il problema

Dubbi e considerazioni tra l’ovvio e il semiserio di una docente alle soglie della pensione
OPINIONI - Per un’insegnante di scuola media andare in pensione a 60 anni è tardi e presto al tempo stesso. Tardi perché il gap generazionale è davvero forte, sono 50 anni di differenza, la società si trasforma alla velocità della luce e mantenersi al passo è pressoché impossibile. I ragazzi sono sempre più difficili da capire nelle loro priorità, anche se poi si scopre che le dinamiche interpersonali non sono cambiate di molto in mezzo secolo e fanno stare bene e stare male le stesse cose per quasi tutti. E che sorprendentemente ai ragazzi può piacere un sacco il melodramma, l’opera lirica - la Carmen o la Traviata - se qualcuno gliela sa far arrivare o la Commedia dantesca, magari appresa a memoria, con Ulisse eroe del coraggio che si vorrebbe avere a quell’età.

Presto perché a 60 anni oggi non si è – in genere – ancora veramente vecchi dentro, si può anzi essere in grado di trasmettere parecchio in termini di esperienza, emozione, conoscenza. Soprattutto se si è capito che sono le prime due a generare la terza, che non basta sapere se non si sa comunicare e che la comunicazione passa attraverso il filo che unisce la parola con il sentire. Non basta essere buoni e cordiali per fare presa sugli alunni, occorre essere forti e sicuri, comprensivi ma non lassisti, fermi ma non immobili. E tenere fuori dall’aula i propri personali problemi – che come autoterapia non funziona poi male, una depurazione di cinque ore che alla fine crea distanza dalle proprie nevrosi e a volte le rende più leggere.

Ma che ce ne importa, diranno i lettori / utenti di Alessandrianews? In realtà mi piacerebbe sapere - al di fuori delle direttive della “Buona scuola” il disegno di legge appena approvato dal Consiglio dei ministri, nel merito della quale non voglio entrare - quali sono le caratteristiche per loro di un buon insegnante, me lo sono chiesto tante volte, ne ho visti tanti bravissimi nella loro materia e incapaci di trasmetterla, farsi travolgere dal caos in classi di ragazzini perbene ed educati, oppure appassionare un uditorio di scalmanati con la storia vera di uno zio d’America o del modo migliore di fare la spesa.

Che cosa deve avere un buon insegnante per essere tale? Come dice Radio 24 “la passione si sente” ma non basta? Certo è diverso entrare in una scuola di paese con i fiori alle finestre con la bidella che fa il caffè e attraversare un quartiere dormitorio e poi una piazza circondata da negozi vuoti con la spazzatura che vola nel vento come i riccioli di sterpaglie nel deserto. Avere a che fare con piccoli lord o piccoli teppisti. Ma ognuno di noi ha nel cuore un insegnante che gli ha svoltato la vita, nel bene e nel male, di cui ricorda le testuali parole che usa ancora con la certezza di dire una cosa assai ficcante. Com’era quel docente, in poche parole, ficcanti?
17/03/2015
Maria Luisa Caffarelli - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa