Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Il sacchetto dove lo metto

La corsa al voto non è diventata meno spasmodica, ma si svolge prevalentemente sul versante dei rapporti personali o familistici, in un “lavoro ai fianchi” sempre a rischio, peraltro, di sfiancamento dello spaesato cittadino elettore. Il problema dei rifiuti urbani, ad esempio...
Campagna elettorale sottotono – ad onta del numero esorbitante di candidati – ed anche questo è un segnale di sbandamento: difficile distinguersi, ma anche poca voglia di provarci. Si rifugge dalla possibilità di essere poi inchiodati, in una diffusa condizione di instabilità politica, ad una posizione specifica, ad una scelta netta nel quadro dei “problemi e prospettive” che pur dovrebbero caratterizzare una contesa amministrativa. Tutto è fluido e tutto è quindi ridiscutibile. Perfino i famosi programmi di lista o di partito sembrano fuori moda – se ancora si fanno, passano, nella loro pretesa di organicità, direttamente in archivio – e agli elettori si servono, invece, doppie razioni di slogan quattrostagioni.

La corsa al voto non è diventata meno spasmodica, ma si svolge prevalentemente sul versante dei rapporti personali o familistici, in un “lavoro ai fianchi” sempre a rischio, peraltro, di sfiancamento dello spaesato cittadino elettore. E dire che di argomenti solidi e pubblici ce ne sarebbero alquanti. Al di là del mitico “dissesto dei conti comunali” che, per conto suo e con la buona grazia di tutti i protagonisti, si dipana sulla scena secondo i canoni del teatro pirandelliano, quel che è e quel che pare.

Il problema dei rifiuti urbani, ad esempio. L’attuale Giunta, sotto la spinta determinante della Lega (ben ricordiamo che cinque anni fa chi berciava di più era il beneamato Grassano), ha demolito il sistema della raccolta domiciliare reintroducendo la sfilata dei cassoni stradali. Gli esiti, non entusiasmanti, sono sotto gli occhi di tutti e la cittadinanza non sembra rivolgere pensieri riconoscenti a chi ha voluto la “ripicca politica” a fini dimostrativi. Eppure sul tema rifiuti la campagna in corso registra solo flebili accenni al possibile ritorno al porta-a-porta nel caso di nuovo ribaltone politico. Un atteggiamento prevalentemente ideologico e di schieramento laddove dovrebbe essere ben presente che, coi tempi e i bilanci che corrono, questi cassoni ce li terremo per un bel pezzo, con i relativi e pesanti inconvenienti (sugli eventuali, promessi vantaggi in termini di costi e tariffe, aleggiano le nebbie che, del resto, avvolgono molte cifre comunali e paracomunali, operazione IREN-AMIU compresa).

Sta di fatto che, com’era ampiamente prevedibile, la moltiplicata presenza in strada dei cassoni-rifiuto, con debita feritoia limitatrice all’immissione, ha moltiplicato la tentazione di abbandonare semplicemente, a fianco dei contenitori dedicati, tutto ciò che non si può agevolmente “imbucare” e le batterie di cassoni tendono spesso a innescare fenomeni di mini-discarica, specie nei giorni (fine settimana) di pulizie domestiche. E gli orripilanti fagotti restano a far bella mostra di sé fino a che non venga a raccoglierli un servizio apposito dell’AMIU, visto che il veicolo svuota-cassoni è anche mono-operatore dalla cabina di guida. L’Azienda – anche ironizzando sui romantici tricicli “spazzacity – fa un buon lavoro di contenimento-prelievo del “fuori-cassone”, ma la lotta è spesso impari al compito, visto il dilagare della cattiva emulazione, e l’aspetto complessivo della città viene sistematicamente menomato da un sistema-rifiuti che ha peggiorato visibilmente la situazione per ragioni di …bassa politica.

Il bello è che il deplorevole spettacolo del “contorno” ai cassoni offrirebbe spunti, vari e molteplici, agli innumerevoli cittadini con digitale o telefonino in tasca. In precedenza queste foto “spontanee” costituivano ghiotto materiale polemico per la stampa, i web-giornali e i protagonisti della competizione elettorale: oggi non più, o raramente. E anche questo ripiegamento, per quanto limitato (ma poi non troppo), può forse annoverarsi in quella torsione politico-mediatica che Travaglio definisce come “La scomparsa dei fatti”. 

[Dal blog appuntialessandrini.wordpress.com]
5/05/2012
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Droga, due lezioni

Opinioni | Io sono sostanzialmente a favore della liberalizzazione della droga. Ma la lezione più importante è che la droga, cara o a buon mercato che sia, rovina comunque la vita

La legge del taglione (sulla sanità)!

La pecora nera | Dunque alla fine il decreto Enti Locali è passato e adesso bisognerà capire chi farà le spese di questo ennesimo taglio inferto ai servizi. Anzi come dice il ministro Lorenzin non chiamiamoli tagli, ma parliamo di “razionalizzazione”...

La Regione unisce Alessandria con Asti. Contraria la Lega: “sono dello stesso sesso”

Opinioni | Le freddure di Fabio Buffa su Alessandria... e dintorni...

Il volontariato serve solo quando non fa rumore?

Opinioni | Non si metta in discussione l’opera dei volontari, non si scarichi sui volontari responsabilità che non competono loro, dato che gli stessi ovunque intervengono solitamente rappresentano la soluzione, non il problema

Senza il manifatturiero non si supera la crisi

Opinioni | Sono convinto che la crisi di Alessandria e del suo territorio non si risolva se non si realizzano le condizioni per re insediare, dopo la profonda deindustrializzazione, una significativa presenza di realtà industriali in settori caratterizzati da innovazione di processo e di prodotto
Ministro della Malesia in visita all'Outlet
Ministro della Malesia in visita all'Outlet
Lampi, tuoni e acqua a catinelle, un po' di ristoro per il verde della citt?
Lampi, tuoni e acqua a catinelle, un po' di ristoro per il verde della citt?
Uil informa: riflessioni su Jobs Act, povertà e tasse
Uil informa: riflessioni su Jobs Act, povertà e tasse
A fuoco un tetto in spalto Rovereto
A fuoco un tetto in spalto Rovereto
Doll 82: lamentarsi della crisi non serve, occorre innovare
Doll 82: lamentarsi della crisi non serve, occorre innovare
Eco Store: zona pedonale? sarebbe un danno per la nostra attività
Eco Store: zona pedonale? sarebbe un danno per la nostra attività
G.R. Arredamenti: favorevoli alla zona pedonale, la gente va abituata
G.R. Arredamenti: favorevoli alla zona pedonale, la gente va abituata
Libreria Berardini: servono parcheggi vicino al centro
Libreria Berardini: servono parcheggi vicino al centro
Taverna: Cuspo e Saves insieme per lo sport, un grazie a Don Ivo
Taverna: Cuspo e Saves insieme per lo sport, un grazie a Don Ivo
Lavezzari: accordo per utilizzo struttura a condizioni vantaggiose
Lavezzari: accordo per utilizzo struttura a condizioni vantaggiose