Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
La pecora nera

Hasta la victoria… siempre!

E’ molto divertente vedere il caos che è scoppiato dopo il 24 e 25 febbraio. Smacchiatori quasi senza lavoro, cavalieri dati per morti e poi resuscitati, insetti salterini balzati all’onore delle cronache per il totale rifiuto di parlare con i media nostrani. Su tutto il terrore dell’inciucione
LA PECORA NERA -  E’ molto divertente vedere il caos che è scoppiato dopo il 24 e 25 febbraio.
Smacchiatori quasi senza lavoro, cavalieri dati per morti e poi resuscitati, insetti salterini balzati all’onore delle cronache per il totale rifiuto di parlare con i media nostrani.
Su tutto il terrore dell’inciucione.
L’accordo tra “pidielle” e “pidimenoelle” (per dirla alla grillina) sta facendo venire i sudori freddi al buon Bersani, perché pochi elettori “pidiini” lo vogliono, ma se Grillo non accetterà la proposta del pd (ora condita di lusinghe, ora di minacce) a Pierluigi rimarrà poca scelta: andare al Colle tentando la fortuna e sperando che Grillo voti la fiducia ad un suo governo o scendere a patti col cavaliere e rifare un governissimo.
La seconda ipotesi è, ovviamente, fortemente osteggiata dai fedelissimi del pd, perché significherebbe ammettere di aver “non vinto”, quindi si continua a chiamare in causa Grillo “per senso di responsabilità”.
Col risultato che Beppe è costantemente presente su giornali e tv pur snobbandoli….chiamalo scemo!
Penso che oramai abbia soppiantato il buon Silvio negli incubi dei dirigenti di sinistra e  credo che Bersani e Berlusconi abbiano perso una buona occasione quando Beppe aveva dichiarato di voler fare un governo a 5 stelle.
Perché non metterlo alla prova?
Si leggono critiche rivolte ai suoi parlamentari ovunque e persino Crozza, nella copertina di Ballarò, si è divertito a sfotterli, quindi che paura avevano?
Se Grillo avesse fatto il capo del governo forse si sarebbe subito bruciato (visto che, stando al suo non-statuto, non potrebbe farlo), Bersani e Berlusconi avrebbero avuto i numeri per bocciare qualsiasi “proposta indecente” ed il fenomeno 5 stelle si sarebbe sgonfiato con la pratica.
Del resto sappiamo bene che la realtà non collima mai con le proposte elettorali.
Prendiamo l’inceneritore di Parma, ad esempio: in campagna elettorale Grillo aveva urlato ai quattro venti che non si sarebbe fatto.
Tra un mese pare che inizierà a bruciare rifiuti, con buona pace di Pizzarotti.
Invece la bramosia di andare ad occupare lo scranno di capo del governo ha accecato Bersani, che si sente oramai investito dell’incarico e dichiara alla stampa i suoi otto punti programmatici.
Leggendoli mi pare si dimentichi la riforma sui rimborsi elettorali e sorge il dubbio su dove troverà i soldi per fare tutto, visto che tra le righe di tagli concreti non se ne vedono.
Oltre allo stipendio dei politici, si metterà un tetto ai compensi dei manager e dirigenti pubblici? Si porrà limite ai tanti dipendenti parlamentari?
Invece di fare la macroregione del nord, verrà istituita l’Agenzia delle Uscite affinché  possa vagliare come vengono spesi i soldi pubblici dalle varie amministrazioni?
Oppure, come al solito, si metterà mano al portafogli dei cittadini?
Insomma, sarebbe più utile porre qualcuna di queste domande piuttosto che sfottere un neofita grillino che si presenta in Parlamento senza sapere quanti parlamentari ci sono.
Forse non ci ricordiamo più i tanti servizi televisivi delle Iene che andavano a chiedere ai parlamentari un’opinione sul Darfour o su Mandela o cosa è la Consob.
Erano deputati di UDC, Lega, Forza Italia, AN, Ulivo o Margherita; davvero quelli erano meglio di questi e ci davano più sicurezza?
Personalmente, se devo scegliere, preferisco un’impacciata deputata grillina di 25 anni, con quasi due lauree sulle spalle (una in Lingue e commercio internazionale e l’altra in Relazioni internazionali), di un Razzi o di un Isidori qualunque.
Ma ovviamente i gusti sono gusti….
8/03/2013
Ermanno Cecconetto - ermanno.cecconetto@gmail.com

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano