Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Emigrazioni

Un’operazione di sapore “glocal/glocart”: opere di artisti alessandrini esposte nei musei italiani raggiungibili con un’ora, massimo due, di treno o di automobile. Da vedere da vicino e non nel contesto di una mostra. Cominciamo da Carrà, da Brera, da Milano
OPINIONI - Accompagnando un’amica straniera a visitare le collezioni di Brera, ho potuto riammirare, non molto lontano dal Cristo morto del Mantegna sempre più commovente nella sua tragica unicità, una serie di dipinti di Carlo Carrà, il pittore e critico alessandrino maestro del Futurismo e della Metafisica. Il 23 marzo aprirà a Palazzo Reale di Milano, a cento anni dalla morte, la mostra dedicata a Umberto Boccioni, come Carrà fondatore del movimento futurista. Boccioni, che aveva esaltato la velocità e morì cadendo da cavallo in una tragica nemesi al contrario. Al tempo stesso si stanno moltiplicando nelle sale i film sui musei, visite virtuali teatralizzate e drammatizzate che mettono in pratica una forma di analisi dell’arte che ribalta le modalità della critica d’arte più paludata degli ultimi decenni e punta tutto sull’opera attraverso il personaggio (un po’ il contrario del caso Elena Ferrante in letteratura e di Bansky nel mondo della street art). Questi film sono un mezzo per diffondere la conoscenza dell’arte, spettacolarizzandola senza mostrarla dal vero. Un ennesimo caso di home watching, che se visto come mezzo può sicuramente dare buoni frutti, ma che rischia davvero di diventare un fine e – purtroppo – di ridurre l’interesse per l’opera in sé, riproducibile all’infinito, ma “guardabile” solo dal vero.

Una premessa forse un po’ lunga per spiegare il motivo per cui le prossime rubriche saranno dedicate a segnalare opere di artisti alessandrini esposte nei musei italiani raggiungibili con un’ora, massimo due, di treno o di automobile. Da vedere da vicino. E non nel contesto di una mostra, ma in un museo. Considerando che la stessa opera con buona probabilità siamo andati a vederla esposta in una rassegna al doppio di distanza da Alessandria, ma non l’abbiamo mai vista nella sua sede permanente dove, volendo, la potremmo tornare a rivedere se ci è piaciuta. Non solo, anche per ribadire quanto Alessandria abbia dato all’arte del secolo scorso e anche dell’attuale. E, infine, per il principio che cercando qualcosa a cui si è interessati di certo si trova qualcos’altro di altrettanto interessante. E accanto alle opere degli alessandrini possiamo trovare autori coevi con opere che ci sorprenderanno nei loro legami e connessioni con i nostri. Insomma un’operazione di sapore “glocal/glocart"...

Quindi cominciamo proprio da Carrà, da Brera, da Milano. Per scoprire intanto che i sei dipinti del pittore alessandrino che si trovano a Brera - Ritmi di oggetti, La musa metafisica, La camera incantata, Madre e figlio, La casa dell'amore e La segheria dei marmi – costituiscono una selezione perfetta della lunga e movimentata storia espressiva dell’artista. Partendo dal Futurismo, a cui appartiene Ritmi di oggetti dipinto nel 1911 dopo il viaggio a Parigi in cui grazie a Gino Severini incontra Picasso e Braque, in parte debitore ai due maestri del cubismo del rigore formale che segna quel dipinto.

Non meno importante la triade composta da La musa metafisica, La camera incantata e Madre e figlio risalente al 1917, dipinti nell’ospedale militare di Ferrara dove aveva conosciuto Giorgio De Chirico, Alberto Savinio e Filippo de Pisis con cui aveva dato inizio alla pittura metafisica.
Non meno significativo La casa dell’amore, opera difficile “sgradevole per eccesso di arcaismo” del 1922 già avviata al classicismo arcaizzante dello stile Novecento a cui appartiene anche La segheria dei marmi del 1929.

Tutti i Carrà sono parte della collezione Jesi e sono esposti in un allestimento forse un po’ datato, che restituisce però il senso di una collezione tra le più importanti d’Italia nel secolo scorso.


 




 






 













 
17/03/2016
Maria Luisa Caffarelli - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani