Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Di nuovo “colpiti”, ma bisogna reagire con iniziative

Sfogliando i giornali è riaffiorato un moto di orgoglio. Finalmente sulle prime pagine, insieme a pochi altri casi. Fra le 37 città in evidenza: Casale Monferrato ai primi posti della classifica nazionale!
Ma è una classifica negativa: le 37 città sono quelle che avranno la sede del proprio Tribunale soppressa.

In parole ancora più comprensibili, dopo i tagli effettuati dal Governo con la sforbiciata e gli accorpamenti dei cosiddetti tribunali minori Casale M. torna ad essere un paesone, perde l’ultimo servizio di rilievo per svolgere un ruolo di capozona; è di fatto completamente denudata/spogliata di quanto serve a svolgere una funzione di un certo livello. Qualcuno dirà che regge ancora l’Ospedale, e non è poco; ma anche questo è sottoposto, sempre nella logica delle razionalizzazioni e del miglioramento della qualità dei servizi, ad un lento declino e impoverimento, imposto dalle decisioni che si sono succedute nel tempo da parte di ogni tipo di maggioranza regionale.

Tutto, viene detto, è nell’interesse nazionale, della necessità di riformare uno Stato sempre più indebitato e ingessato; la sostanza però non cambia l’esito: un territorio sempre più isolato, demograficamente e dal punto di vista occupazionale in difficoltà, a cui non si offrono prospettive di futuro.

Il declino continuerà con la perdita di attrattività (anche per la scarsità dei trasporti) del sistema scolastico; poi non avrà più senso mantenere la presenza di una caserma dei carabinieri (sarà sufficiente un piccolo presidio), poi magari i Vigili del Fuoco.

Il Monferrato tornerà, come nei secoli passati, ad essere terra di conquista di questo e quell’altro “principe”: il principe, non più uno Stato estero o un Ducato nostrano, ma un capoluogo di Provincia o qualche altro marchingegno studiato per centralizzare e accorpare; ma il risultato è già scritto.

Però i casalesi e i monferrini , di fronte all’ennesimo (e inevitabile?) colpo mi auguro che sappiano reagire evitando soliti piagnistei e lamentele, o non voglliano sentirsi semplicemente derubati.

Spero che ci si ingegni, si torni a progettare e ad avere iniziativa in settori (dal turismo all’artigianato, da un’agricoltura con produzioni caratteristiche, ad un’industria capace di sfruttare occasioni dalle nuove tecnologie). Darsi una identità nuova, e da questo ripartire.

Non si potrà contare su risorse e supporti nel settore economico lavorativo per via del “pubblico” (poiché il pubblico dovrà risparmiare sempre più e concentrarsi su poche cose qualificate); non si intravvedono prospettive future di ripresa demografica (chi potrà se ne andrà in cerca di lavoro); e queste terre saranno solo luogo per ricercare pace e tranquillità nel verde collinare, come residenza estiva dei nuovi ricchi, sempre che vi sia ancora chi provvede alla manutenzione e non lascia tutto incolto. Solo il coraggio di imprenditori locali, o l’intelligente ricerca di investimenti esterni con l’offerta di aree attrezzate e la capacità civile e amministrativa di fare rete e presentare l’immagine di un territorio aperto e disponibile alla coesione sociale. Serve pensare e proporre una “Offerta Monferrato” che veda insieme Comuni, imprenditori, e società civile.

L’unica osservazione che mi permetto, da cittadino (ma cosa significa cittadino a pieno titolo, quando si vive in aree sguarnite?), è sui ragionamenti e sui metodi adottati per le cosiddette razionalizzazioni e per rendere efficiente la macchina pubblica. Qual è la logica che sottende al tutto? Il risparmio? L’accentramento organizzativo? L’efficacia degli interventi? Ritengo che si possa (anzi si debba) rivedere e ripensare tutto il sistema pubblico: ma questo va fatto con altre logiche e toccando prima di tutto enti e Agenzie e Comitati non elettivi.

Sarebbe opportuno ripensare al sistema di tutta la società con una logica sussidiaria; e pertanto valorizzando la società civile, i territori, l’associazionismo, il cosiddetto welfare comunitario, responsabilizzando le comunità locali e le loro rappresentanze istituzionali. E poi adottando il metodo della partecipazione (la democrazia deliberativa, o la concertazione invisa al potere attuale), con una visione dal basso (accorpare e tagliare con l’occhio delle autonomie) e non con una mentalità accentratrice. Napoleone, l’impero francese, e il Piemonte savoiardo non ci sono più. Abbiamo conquistato la Repubblica democratica: e con questo schema vanno anche affrontati i tagli.

Questo vale anche per ripensare l’intero sistema istituzionale; accorpare o abolire Province, mantenere queste Regioni, come riorganizzare i Comuni, ecc. non può essere opera tecnica, o realizzata nella sola ottica del risparmio; deve rispondere anche ad altre esigenze: come svolgere meglio funzioni fondamentali per i cittadini, come costruire comunità con valori condivisi, come aiutare il rispetto e il dialogo tra etnie religioni e culture diverse, come tutelare meglio i territori l’ambiente il patrimonio artistico e culturale.

Già vedo le obiezioni: con questa logica non si riuscirà mai a riformare nulla, anzi è questo il metodo che ha portato ad inseguire tutte le richieste e a sforare le spese. Ma allora perché votare o chiedere il consenso? Per accentrare burocraticamente, solo tenendo conto di parametri numerici, sono capaci anche gli analfabeti. E poi perché le Province in Piemonte devono essere 4 e non 3 o 5? Perché in ogni Provincia ci deve essere una serie di uffici periferici dello Stato e non si può accentrare qualcosa a livello di capoluogo di Regione? Perché abolire le Province e non le Regioni che costano molto di più?

Ecco perché, al di là del merito, al di là dell’opportunità, sono preoccupato dalle decisioni sui Tribunali: in questo modo la giustizia funzionerà meglio? Sarà sveltita? Darà risposte più efficaci ai cittadini? Il processo come quello storico sull’Eternit non ci sarebbe mai stato e non avrebbe avuto la sentenza esemplare se non si fosse svolto a Torino, ma non tutte le pratiche e i processi richiedono strutture, livello, competenze, ecc. di un grande Tribunale, anzi il rischio in alcuni casi sarà l’intasamento. 

[Dal blog appuntialessandrini.wordpress.com]
19/07/2012
Carlo Baviera (Appunti Alessandrini) - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani