Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Cattiva informazione

Anche un banale episodio avvenuto a Novi Ligure ci può insegnare quanto sia importante affidarsi a fonti qualificate, soprattutto quando si tratta di notizie di tipo scientifico. Per i lettori può essere un grosso problema distinguere tra stupidaggini e vera scienza
OPINIONI – Recentemente, pur senza volere, su una pagina Facebook novese ho scatenato quella che è stata definita ‘the honey war’. La causa scatenante è stata la mia richiesta delle fonti usate per scrivere un articolo che decantava le virtù di un particolare tipo di miele. Non voglio parlare delle proprietà del miele, discorso comunque complesso ed affascinante, quanto del punto del contendere con l’autrice che pare aver preso la richiesta di fonti come critica al suo articolo.

Perché le fonti sono importanti, e dovrebbero sempre essere citate? Semplicemente per permettere al lettore che voglia approfondire di valutare personalmente l’affidabilità della fonte stessa. E la valutazione delle fonti è uno dei compiti più difficili che chiunque voglia scrivere un articolo di tipo scientifico deve affrontare!

Facciamo un esempio: la famosa rivista scientifica ‘Chemical Fuffar International’ pubblica un articolo dove descrive l’uso di colonie di batteri bioluminescenti per l’illuminazione di edifici privati e pubblici, a firma del prof. John Motefreg della prestigiosa università di Nowhere.
Io a voi scrivo che uno studio ha dimostrato che possiamo usare i batteri per illuminare le case senza consumare energia (ma non vi dico dove lo ho trovato). Wow!!!

Ovviamente ho esagerato nel rendere chiaro che la rivista scientifica è falsa, il professore inesistente e l’università introvabile, ma purtroppo questo succede molto spesso. Ci sono molte ‘pseudoriviste scientifiche’ che pubblicano qualsiasi cosa, basta pagare (1), e ci sono numerosi siti web che millantano ‘prestigiosi centri di ricerche’, ‘importanti istituzioni internazionali’, dotati di ‘comitati scientifici di alto valore’, il tutto confezionato ad arte per supportare questa o quella tesi. Andando però a grattare, si scopre che di ‘prestigioso’ c’è ben poco, mentre abbondano le affermazioni senza prove.

A queste false riviste si aggiungono programmi TV molto poco seri che spacciano opere di fantasia come reali studi scientifici. Lasciando perdere Mistero e Voyager, un triste esempio viene da un canale TV che dovrebbe garantire un minimo di rigore scientifico, Discovery Channel, che ha trasmesso una ’docu-fiction’ sulle sirene. Il link a questa trasmissione sul loro sito non è più funzionante, ma ci sono diversi blog (2 e 3) che hanno parlato della cosa, e in termini abbastanza schietti…

Non parliamo poi delle trasmissioni di pseudo-giornalismo che, per inseguire audience, confezionano servizi terrorizzanti, e distanti anni luce dalla verità. Un esempio recente è il ‘servizio’ fatto da Nadia Toffa delle Iene dove paragona gli esperimenti fatti al Gran Sasso (4) al disastro nucleare di Fukushima. Non so se la Toffa ha fatto coscientemente pessima informazione, oppure se ha solo dimostrato di non avere idea di quello che sta facendo questo gioiello (5) della ricerca italiana ed internazionale…

Insomma, parlare di scienza è difficile, ci sono tanti studi, tante ricerche e spesso quello che arriva al pubblico è parziale, distorto o esagerato. Per noi cittadini può essere un grosso problema poter distinguere da stupidaggini e vera scienza. L’unico consiglio che mi permetto di dare è di cercare sempre le fonti, e di rivolgersi a riviste e siti che hanno una consolidata tradizione e reputazione di correttezza, come il CICAP (6), Oggiscienza (7), Le Scienze (8). Anche loro sbagliano, ma quando succede lo ammettono e ritrattano, e soprattutto mettono le fonti!

A proposito dei batteri bioluminescenti che ho citato prima: esistono, anche se non servono ad illuminare casa, e gli studi sulla GFP (proteina fluorescente verde) hanno fatto vincere il Nobel per la chimica del 2008 a Shimomura, Chalfie, and Tsien (9). Quelli sono studi veri, pubblicati su riviste serie, riproducibili e giustamente premiati!
Buone Feste ed alla prossima!

P.S.: aggiungo il mio personale plauso ai ragazzi della 5° E del Liceo Amaldi per la loro decisione di vaccinarsi in massa contro l’influenza per difendere il loro compagno che ha un sistema immunitario molto debole per le cure antitumorali che sta facendo (10). Bravissimi!
10/12/2017
Claudio Casonato - novionline@novionline.net

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alessandria-Pro Piacenza 1-0. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Pro Piacenza 1-0. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Pontedera 5-1. Il dopo gara
Alessandria-Pontedera 5-1. Il dopo gara
Le bici di Coppi: la presentazione
Le bici di Coppi: la presentazione
Città sporca e in ritardo sulla differenziata: pronti a rivedere le nostre strategie
Città sporca e in ritardo sulla differenziata: pronti a rivedere le nostre strategie
L’incontro dell’Ambasciatore della Somalia a conclusione della staffetta podistica
L’incontro dell’Ambasciatore della Somalia a conclusione della staffetta podistica
Posate sette pietre d’inciampo a ricordo degli alessandrini deportati nei lager
Posate sette pietre d’inciampo a ricordo degli alessandrini deportati nei lager
Visita tra il gelo e il freddo del Rifugio Cascina Rosa
Visita tra il gelo e il freddo del Rifugio Cascina Rosa
Visita al Gattile Sanitario in Alessandria
Visita al Gattile Sanitario in Alessandria
La mia Cittadella
La mia Cittadella
Cena di Natale alla Casa di Quartiere
Cena di Natale alla Casa di Quartiere