Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
La pecora nera

Babbo Matteo Natale

Come nelle migliori tradizioni, il pacco governativo è arrivato durante le festività. Uno stile pienamente italiano che si rinnova con ogni governo. Ricordo ancora bene ai bei tempi del pentapartito quando prima delle ferie arrivava la manovrina che aumentava l’accisa sulla benzina, oppure inseriva un nuovo balzello.
LA PECORA NERA - Come nelle migliori tradizioni, il pacco governativo è arrivato durante le festività. Uno stile pienamente italiano che si rinnova con ogni governo. Ricordo ancora bene ai bei tempi del pentapartito quando prima delle ferie arrivava la manovrina che aumentava l’accisa sulla benzina, oppure inseriva un nuovo balzello.

Indimenticabile l’operazione del Dott.Sottile, al secolo Giuliano Amato, che nella notte tra il 9 e il 10 luglio del 1992 prelevò forzosamente il 6 per mille da tutti i conti correnti e i depositi italiani. Sor Matteo non è stato da meno e alla Vigilia di Natale ha pensato bene di portare un bel dono agli italiani: una riforma radicale delle norme sul licenziamento in Italia. La chiamano “contratto a tutele crescenti”, per me potrebbe chiamarsi anche Paperoga, ma nella sostanza su lascia libera l’impresa dai vincoli sul licenziamento. Sia chiaro: un decreto legittimo ed è fatto nei pieni poteri del Governo. Restano di dubbio gusto i modi con cui si è gestita la questione, ovvero usando un decreto al posto di portarlo in Parlamento, non parlando chiaramente degli aspetti pro e contro che tale riforma apporterà alla vita dei lavoratori ed emanandolo il 24 dicembre, facendo fare quindi un Natale non certo tranquillo a molti dipendenti di aziende medio-piccole.

Mi sforzo, ma proprio non riesco a trovare il legame tra la facilità di licenziamento e la ripresa economica, ma sono sicuramente io ad esser ottuso, perché su alcuni giornali ho letto che sarebbe un incentivo alle imprese nel restare in Italia… Che buffo, io pensavo che fosse il costo del lavoro e le tasse a far scappare gli imprenditori ed invece era solo il fatto che non potevano licenziare. Pensavo che prima fosse necessario ridurre gli sprechi, tagliare gli enti inutili, limare le pensioni d’oro, magari introdurre una cura dimagrante dei tanti dirigenti pubblici e delle ennemila consulente lautamente retribuite.

Insomma tutta una serie di cose che ci avrebbe fatto risparmiare il temuto aumento dell’IVA e magari avrebbe anche prodotto un abbassamento della pressione fiscale, ma sembra proprio che mi sbagliavo.
Quindi adesso l’amicone di Matteo, tal Marchionne, riporterà la FCA in Italia e lascerà la sede della Ferrari qui da noi? Oppure chiuderà felicemente altri stabilimenti come ha fatto con Termini Imerese, nonostante i tanti, troppi soldi pubblici di cui la FIAT ha sempre beneficiato in tutti questi decenni? Conoscendo lo squalo italo-canadese credo la seconda, ma sono sempre pronto a ricredermi!

Anzi considerando che questa nuova tutela non contempla più il reintegro, ma prevede solo un risarcimento economico che va da un minimo di 4 ad un massimo di 24 mensilità, credo che economicamente convenga molto più licenziare che continuare a pagare. Davvero in periodo di crisi sono meglio 30 denari del riavere il proprio posto di lavoro? Ho letto che noi lavoratori siamo troppo attaccati al lavoro fisso, che il Mondo si evolve e che l’Italia resta uno degli ultimi Paesi con questa palla al piede. Detto da chi non ha mai lavorato come dipendente un giorno in vita sua mi sembra quantomeno azzardato e mi viene in mente una frase che mi diceva spesso mio padre: ”se tutti si buttano giù da un ponte, lo fai anche tu o usi la testa?”.

Detto questo, auguro a tutti i lettori di aver iniziato bene questo 2015, perché viste le premesse, credo che di nervoso ce ne faremo parecchio. Però continuo a dirvelo: se davvero siete stufi di questa situazione non restate alla finestra, ma partecipate! Non restate a casa a mugugnare su facebook o sui blog, ma iniziate a frequentare associazioni, movimenti e via dicendo. Il cambiamento non arriverà ad opera del Cielo, ma tutti noi dobbiamo impegnarci personalmente affinchè ruffiani ed affaristi siano sempre meno, perché ricordiamoci che i soldi pubblici sono soldi nostri e che è la politica a gestirli, quindi se lasciamo la politica in mano ai soliti noti, non cambierà nulla!
2/01/2015
Ermanno Cecconetto - ermanno.cecconetto@gmail.com

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano