Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Anche a me un prestito!

Sono dieci anni che il Monte dei Paschi di Siena fa notizia nel senso peggiore del termine. Quasi, quasi chiedo anch’io un prestito al Monte dei Paschi! Ma siccome non sono amico di nessuno a me li chiederebbero indietro di brutto...
OPINIONI - Sono dieci anni che il Monte dei Paschi di Siena fa notizia nel senso peggiore del termine.
E in questi 10 anni la capitalizzazione dell’Istituto si è ridotta ad un trentesimo del suo valore. Abbiamo visto un turbinio di presidenti, amministratori delegati, direttori generali, tutti lautamente pagati e indennizzati quando defenestrati anzitempo, ma le cose sono andate sempre peggio.
Tutto sembra essere iniziato nel 2007 con il folle acquisto di Banca Antonveneta dal Banco Santander al costo complessivo di 17 miliardi (ma qualcuno ci ha certamente guadagnato…1,2 -1,7 miliardi con una truffa estero su estero), e si è anche scoperto che la cosiddetta “banda del 5%” nello stesso periodo si è rubata il 5% su tutte le operazioni finanziarie.

Nel Marzo 2009 il Banco ha utilizzato 1,9 miliardi di “Tremonti bond”, prestito poi restituito. Nel Dicembre 2012 ha utilizzato 4 miliardi di “Monti bond”, prestito oneroso poi restituito con gli interessi. Ma nel Gennaio 2013 si scopre che ha pesantemente sottostimato le perdite sui derivati e a Ottobre si propone un piano di ristrutturazione che prevede 8.000 licenziamenti entro il 2017.
Tra Aprile 2014 e Maggio 2015 MPS ricorre due volte al mercato raccogliendo 8 miliardi e a Marzo 2015 annuncia una perdita record di 5,3 miliardi.
Fra tentennamenti e colpevoli ritardi si arriva all’ultimo appello al mercato di questi giorni dove alcuni investitori istituzionali avevano già approvato la conversione di bond per 1 miliardo e i possessori di obbligazioni subordinate hanno sostanzialmente aderito alla proposta di conversione in azioni, mentre l’”anchor investor” del Qatar, atteso per 1 miliardo, si è invece eclissato rendendo impossibile anche la raccolta di altri 1,5 miliardi attraverso le banche d’affari.
E così in quattro e quattr’otto il governo si vede costretto a mettere a disposizione un fondo di garanzia di 20 miliardi (!) per salvare questa (e forse altre) banche in crisi.
Inoltre da Agosto è operativo il fondo Atlante2 che dovrebbe comprare per 9,7 miliardi i crediti “in sofferenza” di MPS che ne valevano a suo tempo 27,1 ma anche questo fondo è stato sottodimensionato e fa pure fatica a raccogliere i fondi necessari (3,5 miliardi entro Luglio 2017).

Però secondo il Corsera Magazine per salvare la baracca di miliardi ce ne vorranno in realtà 37, mentre Bloomberg stima che ne siano necessari ben 52…
Insomma, sembra che la tragedia non sia ancora finita e che a furia di continuare a nascondere le cose e a non voler guardare in faccia la dura realtà, i costi del salvataggio continuino a crescere.

E chi li pagherà? Indovinate…

Ma perché questi costi dovrebbero continuare a crescere?
Certamente c’è il fatto che i responsabili, o i colpevoli, hanno per molto tempo cercato di minimizzare il problema, per cui si è cominciato con un prestito di 1,9 miliardi nel 2009, poi uno da 4 a fine 2012, poi si è ammesso che le perdite sui derivati erano state sottostimate, infine, sotto la pressione europea, nel 2014 e 2015 si fanno due aumenti di capitale per 8 miliardi e si arriva ai giorni nostri con il fallito tentativo di un nuovo aumento di capitale per 5. E’ dura tirar fuori il drago dalla tana, quando non si ha voglia di farlo.

Ma a me pare che ci sia anche un altro elemento che non ho mai trovato citato. Si tratta dei debitori verso il Banco. Intanto i loro nomi non sono noti, e, almeno per i più grossi, non dovrebbe essere difficile individuarli. Invece non si conoscono…e non si conoscono i loro rapporti di parentela o amicizia con i gestori del Banco.

Poi, chiedo, se voi aveste cento milioni di debito con MPS e sapeste che la banca rischia di fallire o che qualcuno interverrà a sanare la situazione dei prestiti non esigibili, fareste sforzi sovrumani per restituire il vostro debito? O non sareste piuttosto tentati (o anche consigliati…) di fare in modo da non essere formalmente in grado di onorare il vostro impegno? Non dico una bancarotta fraudolenta, ma un semplice fallimento o la chiusura dell’azienda… potrebbero far comodo. Intanto i debiti vanno tutti nel calderone del salvataggio…
Mi sembra quindi naturale che i “non performing loans” continuino a crescere… Più il tempo passa più la gente ha modo di organizzarsi.

Il massimo sarebbe prendere soldi in prestito da MPS e depositarli, sotto altri nomi, in conti inferiori ai 100 mila euro nella stessa banca. Così da un lato non li rendo e dall’altro passo per vittima e mi vengono garantiti dall’intervento statale…

Quasi, quasi chiedo anch’io un prestito al Monte dei Paschi!
Ma siccome non sono amico di nessuno a me li chiederebbero indietro di brutto..
1/01/2017
Marcello Favareto - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Cuneo-Alessandria 0-2, il dopo gara
Cuneo-Alessandria 0-2, il dopo gara
Premio “Franco Marchiaro”: Griseri, Massone e Prato sono i vincitori
Premio “Franco Marchiaro”: Griseri, Massone e Prato sono i vincitori
Enzo Paci a SettimoCielo
Enzo Paci a SettimoCielo
“Se stasera siamo qui”: lo spettacolo per l'inaugurazione della mostra
“Se stasera siamo qui”: lo spettacolo per l'inaugurazione della mostra
Alessandria in merda
Alessandria in merda
Alessandria si accende : ecco le luminarie di Natale
Alessandria si accende : ecco le luminarie di Natale
Piacenza-Alessandria 3-2. Il dopo partita
Piacenza-Alessandria 3-2. Il dopo partita
Polizia Penitenziaria protesta davanti alla casa circondariale Catiello Gaeta
Polizia Penitenziaria protesta davanti alla casa circondariale Catiello Gaeta
Manifestazione della Polizia Penitenziaria, situazione insostenibile in Alessandria
Manifestazione della Polizia Penitenziaria, situazione insostenibile in Alessandria
Alessandria-Viterbese, le foto del post partita
Alessandria-Viterbese, le foto del post partita