Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
La pecora nera

Aaa Unione Europea cercasi…

Ci hanno imposto il formaggio senza latte, il vino senza uva e il cioccolato senza cacao. Ci impongono regole ferree sul patto di stabilità e sanzioni salate se viene infranto. Ci hanno persino imposto le misure che deve avere il seggiolino del trattore. Tutto nel nome dell’Unione…

Ci hanno imposto il formaggio senza latte, il vino senza uva e il cioccolato senza cacao.
Ci impongono regole ferree sul patto di stabilità e sanzioni salate se viene infranto.
Ci hanno persino imposto le misure che deve avere il seggiolino del trattore.
Tutto nel nome dell’unione…

Unione che va a farsi benedire nel momento di cui spuntano interessi francesi, inglesi o tedeschi.
Sul fronte agroalimentare abbiamo avuto l’esempio dell’embargo francese nei confronti dei vegetali pugliesi sul caso Xylella.
Benché la questione si stesse gestendo a livello UE, la Francia in aprile ha deciso di bloccare i nostri prodotti in barba a tutti gli accordi comunitari, per salvaguardare il comparto agricolo francese.
Ma è sul piano militare che la farsa “UE” diventa ridicola.
Era già accaduto con la Libia nel 2011, quando Sarkò, dopo la risoluzione dell’ONU, era partito a testa bassa bombardando Gheddafi insieme agli USA, infischiandosene di fatto della Comunità Europea di cui, in teoria, fa parte.
L’Inghilterra, per non rimanere indietro, si era subito attrezzata per andare dietro a Sarkò, ma vedendo il caos che si stava generando, si era di fatto smarcata, lasciando la Francia come unica nazione europea ad agire sulla Libia.
In queste settimane, dopo l’attentato di Parigi, è di fatto accaduto lo stesso: la Francia è partita a bombardare la Siria senza attendere una risposta comunitaria!
Hollande è volato da Putin per cooperare con la Russia sul fronte siriano, mettendo di fatto la UE in un cassetto.
Ma anche altri Stati Europei non sono stati da meno: Cameron ha chiesto al parlamento il via libera per i raid anti-Isis, mentre la Germania invierà i propri Tornado come supporto logistico.
Una risposta proprio da “UNIONE EUROPEA”: ognuno per se e Dio per tutti!
Il perché la Francia non ha invocato l’aiuto Nato o UE è chiaro; se Hollande si fosse rivolto alla Nato avrebbe dovuto concordare ogni iniziativa militare con gli altri 27 alleati, dagli Stati Uniti alla Turchia.
Idem se avesse invocato la “solidarietà antiterrorismo” europea, ma in questo caso le operazioni sarebbero state coordinate da Bruxelles, nelle istituzioni Ue.
Invece alla fine il protagonismo francese sembra accontentare tutti i restanti Stati membri dell’Unione Europea, tanto che molti Paesi hanno già dato la propria disponibilità ad alleggerire l’impegno francese su altri fronti (Iraq, Mali, Gibuti, ecc), per permettere ai soldati transalpini di impegnarsi nella lotta anti-Isis.
L’unico che ha provato a parlare di risposta comunitaria è stato Renzi, parlando anche di “risposta culturale” (forse Renzi aveva ancora in mente i 500 euro che vuole regalare ai diciottenni…), ma non mi pare abbia suscitato sensi di colpa in Hollande.
Se davvero esistesse il concetto di UNIONE EUROPEA la Francia non sarebbe dovuta intervenire da sola e, nel caso lo avesse fatto, sarebbe dovuta esser redarguita dagli altri Stati membri.
Se invece l’Unione Europea esiste solo per impormi il seggiolino del trattore, allora mi tocca dare ragione a Salvini, quando l’anno scorso dichiarava:”La Ue non è riformabile: va abbattuta e riformata da capo
Davvero questa è la Comunità Europea che volevano i padri fondatori Adenauer, De Gasperi, Monnet e Schuman
?

27/11/2015
Ermanno Cecconetto - ermanno.cecconetto@gmail.com

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani