Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cabella Ligure

Piuzzo, le fontane e il dialetto protagonisti del volume di Cristina Raddavero

Cristina Raddavero torna in libreria a distanza di sei anni da “Il vento dell’Antola”, con un nuovo romanzo ambientato ancora una volta in val Borbera, in particolare a Piuzzo e dintorni con uno specifico riferimento al noto “Giro delle dodici fontane”
CABELLA LIGURE - Cristina Raddavero torna in libreria a distanza di sei anni da “Il vento dell’Antola”, con un nuovo romanzo ambientato ancora una volta in val Borbera, in particolare a Piuzzo e dintorni con uno specifico riferimento al noto “Giro delle dodici fontane” (un percorso ad anello che tocca appunto dodici abbeveratoi che da Piuzzo parte e a Piuzzo si conclude nella meravigliosa e suggestiva cornice dei boschi dell’Appennino ligure-piemontese). Il nuovo romanzo si cala nella realtà locale fin dal titolo: “Autra da chi”, che nel dialetto di Piuzzo significa "Avanti, da questa parte".

Chi e cosa lega una giornalista dei nostri tempi a un’aspirante copista del IX secolo? “Autra da chi” è un racconto breve, ma intenso, su ciò che di più inafferrabile vi sia per l’uomo costantemente teso alla loro ricerca: la Bellezza e l’Amore intesi nella loro suprema valenza di ideali.
Nel libro sono accostati realtà e fantasia, nozioni di natura geografica, storica non meno che filosofica. Ma, l’elemento di novità in assoluto che caratterizza “Autra da chi” è l’uso del dialetto di Piuzzo con numerosi termini che la lingua italiana ignora. Tanto che nel libro si è reso necessario un glossario sia per dare la possibilità al lettore di comprenderne il significato sia per l’importanza che vuole rivestire al fine di un recupero linguistico di indiscussa matrice territoriale se è vero, come è vero, che il lingua resta forse la maniera più idonea a rappresentare la cultura di un popolo, le proprie tradizioni, i propri valori.

Il libro di Cristina Raddavero è edito dalla Audax di Moggio Udinese, una casa editrice che dal 2008 realizza libri con metodi integralmente artigianali utilizzando le tecniche di rilegatura tramandateci dal passato. I libri vengono curati e rilegati completamente a mano senza avvalersi di tipografie o metodi meccanici o di produzione in larga scala.
La scelta di questa linea editoriale è dovuta alla presa di coscienza del crescente abbandono del nostro mondo all’unicità dell’oggetto libro, al suo valore in quanto prodotto artistico.
6/03/2016

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione