Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Pernigotti, trattativa con gli indiani. "Il governo ora faccia pressing"

Iniziata la trattativa tra la Pernigotti di Novi Ligure e il fondo indiano interessato ad acquisire fabbrica e marchio. Intanto si avvicina la scadenza del 5 febbraio, quanto a Roma si deciderà sulla cassa integrazione. "La palla passa al governo, faccia pressing"
NOVI LIGURE – È durato poco più di due ore il primo incontro tra i rappresentanti della Pernigotti e gli emissari di un fondo indiano interessato a rilevare il marchio e la fabbrica di Novi Ligure. Iniziato verso le 17, si è trattato di un incontro virtuale, organizzato tramite una videoconferenza, dal quale non sono emerse novità sostanziali: è però confermato – ed è questa la notizia positiva – l’inizio di una trattativa.

Gli esiti sono però ancora incerti: secondo quanto trapelato, gli indiani vorrebbero acquisire l’azienda nella sua interezza. Il piano B sarebbe invece rappresentato dall’acquisizione di una quota di controllo della società, pari ad almeno il 51 per cento. I rappresentanti dei fratelli turchi Toksoz – proprietari della Pernigotti – hanno ascoltato le proposte ma non sarebbero sono sbilanciati.

La speranza dei lavoratori è che i Toksoz vendano. Il tempo stringe (il 5 febbraio a Roma ci sarà un nuovo incontro sulla cassa integrazione) e per convincerli è auspicato anche l’intervento dell’esecutivo: «Chiediamo che il governo segua la trattativa e intervenga», dice Luca Patelli, uno dei portavoce dei lavoratori. L’interessamento del fondo indiano risale già a novembre, come conferma Tiziano Crocco, segretario provinciale della Uila: «Siamo stati contattati il 25 novembre dal gestore del fondo e abbiamo iniziato un percorso. La proposta c’è ed è seria. A questo punto però la palla passa al governo, non ci sono più scuse».

Intanto l’agenzia di stampa Agi e il quotidiano toscano La Nazione riferiscono di un interessamento da parte del gruppo Sielna, società con sede a Siena che di recente ha acquisito il marchio Nannini (caffè e pasticceria). L’azienda avrebbe avviato contatti con Sernet, l’advisor di Pernigotti, forse per l’acquisizione della divisione dei prodotti per gelateria.
16/01/2019

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano