Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Strage di treni per il ghiaccio, la protesta dei pendolari

Il gelicidio ha fermato il trasporto ferroviario per due giorni, con treni soppressi e ritardi di ore. "Insieme ad Assoutenti stiamo raccogliendo tutte le segnalazioni di disservizi, dopodiché decideremo come procedere", spiega il presidente dell'Apn Andrea Pernigotti
NOVI LIGURE – Strage alla stazione ferroviaria di Novi Ligure: le vittime sono centinaia di pendolari lasciati a piedi o rimasti per ore ad aspettare il miraggio di un treno. Il killer? Un fenomeno meteorologico inconsueto ma non troppo al nord Italia: il gelicidio, vale a dire la pioggia che ghiaccia istantaneamente quando arriva a terra.

Ieri, martedì, per il secondo giorno consecutivo il trasporto ferroviario è andato in tilt perché il ghiaccio formatosi sui cavi delle linee aeree impediva il trasferimento dell’elettricità ai pantografi dei locomotori. Niente corrente uguale treni fermi. Ma i problemi erano iniziati già domenica, quando il treno Milano-Genova-Nizza si era fermato per quattro ore al Piano Orizzontale dei Giovi, nei pressi di Mignanego, lasciando al buio e al freddo 400 passeggeri.

Sia lunedì che ieri sono stati parecchi i convogli soppressi o in forte ritardo, soprattutto alla mattina, quando i pendolari novesi avevano bisogno di recarsi al lavoro o all’università. Il primo treno per Milano è riuscito a partire solo alle 13.35 (il 2186 da Genova), per Torino solo alle 14.40 (il 6116 da Arquata). A determinare ritardi e cancellazioni il ghiaccio sui cavi tra Arquata, Alessandria e Tortona.

«Insieme ad Assoutenti stiamo raccogliendo tutte le segnalazioni di disservizi, compresi danni patiti ed eventuali spese sostenute, dopodiché decideremo come procedere», spiega Andrea Pernigotti, presidente dell’Apn, l’associazione dei pendolari novesi.

«Contando l’episodio di Mignanego, sono stati tre giorni di blocco», dice Pernigotti che punta il dito anche contro il mancato coordinamento tra Trenord (che gestisce la linea Arquata-Milano), Trenitalia e le ditte di trasporto incaricate di gestire i pullman sostitutivi. «Lunedì, ad esempio, il treno 2165 da Milano è stato soppresso e arrivando a Tortona in ritardo non avremmo trovato ad aspettarci il pullman sostitutivo. Ho dovuto provvedere io a chiamare la ditta che fornisce il servizio [la Passèra di Bergamo; ndr] per prendere accordi affinché potessimo tornare a Novi».
13/12/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Il crollo del viadotto Morandi a Genova