Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Voltaggio

Due giorni per scoprire ogni angolo di Voltaggio insieme al Fai

"Un borgo e le sue memorie: Voltaggio" è il tema scelto dalla delegazione novese del Fai in occasione delle Giornate di primavera: due giorni di visite guidate alla scoperta dei monumenti del paese
VOLTAGGIO – Il tradizionale appuntamento delle Giornate Fai di Primavera è giunto ormai alla sua ventisettesima edizione. Un borgo e le sue memorie: Voltaggio (Veliturium), “fonte” di storia, cultura e tradizioni è il tema di quest’anno con il quale la delegazione novese del Fondo ambiente italiano intende far conoscere il pittoresco borgo. Oggi e domani, sabato 23 e domenica 24 marzo, è prevista l’apertura di diversi luoghi, tutti a Voltaggio, con visite guidate a cura dei volontari Fai e degli Apprendisti Ciceroni del liceo Amaldi di Novi. Dalle 10.30 alle 18.30 sarà possibile visitare: il convento e la quadreria dei frati Cappuccini, il palazzo Scorza-Battilana, l’oratorio di San Giovanni Battista e l’oratorio di Santa Maria del Gonfalone.

Il convento dei frati Cappuccini ospita una delle più interessanti pinacoteche del Piemonte, creata a fine Ottocento da padre Pietro Repetto da Voltaggio e composta da oltre 200 opere d’arte sacra di maestri liguri. Al centro del paese sorge palazzo Scorza-Battilana, casa natale di Sinibaldo Scorza (1589-1631), importante pittore della scuola genovese. Il palazzo, mai aperto al pubblico, conserva tracce di vita domestica di inizio Novecento: una vecchia cucina, una sala con pareti dipinte con scene naïf, eleganti soffitti a cassettoni e un vano scala affrescato a grottesche.

A Voltaggio si trovano inoltre ben quattro oratori, come l’oratorio di San Giovanni Battista che svetta imponente con la sua grande cupola di oltre 17 metri di altezza e ospita importanti dipinti di scuola genovese, e l’oratorio secentesco di Santa Maria del Gonfalone riccamente ornato con stucchi, arredi e marmi. Oltre alle tradizionali visite è prevista una camminata lungo un sentiero di circa tre chilometri che parte da Palazzo Gazzolo, prosegue al vicino oratorio di Sant’Antonio Abate e conduce a un essiccatoio di castagne, l’unico funzionante in Piemonte grazie alla tenacia del suo proprietario, portando infine ai ruderi del castello.

La Delegazione Fai di Novi Ligure invita inoltre a completare la visita recandosi al vicino Santuario della Rocchetta, a Lerma. La chiesa, raggiungibile lungo una strada scandita da piccole edicole di una via Crucis, risale al XIII secolo e conserva all’interno affreschi del Seicento. Durante l’ultimo conflitto nella cripta della famiglia Spinola sono stati nascosti da don Mazzarello alcuni ebrei sfuggiti così alle persecuzioni razziali.
23/03/2019

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


StrAlessandria 2019
StrAlessandria 2019
'Canapa in Festival' a Borgo Rovereto, le immagini della prima edizione
'Canapa in Festival' a Borgo Rovereto, le immagini della prima edizione
Alessandria-Albissola 3-0, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Albissola 3-0, le foto di Gianluca Ivaldi
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale