Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Centro islamico, c'è la firma. Ma un comitato è pronto a opporsi

La comunità islamica ha formalizzato l'acquisto di parte dell'ex Petit Chateau di via Mazzini a Novi Ligure per realizzare un centro culturale. Ma c'è chi si oppone e chiama a raccolta i cittadini con una assemblea nella sede della Lega Nord
NOVI LIGURE – Si parlerà di sicurezza, di immigrazione e della prossima apertura del centro culturale islamico in via Mazzini a Novi Ligure. Venerdì 17 novembre, a partire dalle 20.30, nella sede della Lega Nord di via Amendola 11 gli amministratori del gruppo Facebook “Novi Ligure notizie e non solo”, insieme ai rappresentanti del comitato “No moschea”, incontreranno i cittadini che vorranno partecipare all’assemblea.

«È inutile dire che siamo molto critici, e che a nostro avviso queste problematiche vanno risolte subito», dicono gli organizzatori Claudio Ricci e Pietro Matteo Gallo. «Invitiamo a partecipare tutti gli abitanti che sono stanchi di questa situazione e che vogliono fare qualcosa per migliorare la vita della nostra città».
A seguire, alle 21.30, si svolgerà un incontro con i partiti alleati nel “Progetto novese”: oltre alla Lega, ci saranno Forza Italia e Fratelli d’Italia.

La comunità islamica di Novi Ligure ha acquistato una parte dell’ex ristorante Petit Chateau in via Mazzini, per realizzare un centro culturale che sostituisca quello di via Cavour, da vent’anni sede degli incontri di preghiera dei musulmani novesi. L'edificio è stato scelto perché, come spiega il presidente del centro Farahat Hassan, la maggior parte delle persone di religione islamica abita nelle vicine case popolari e in via Crispi. L'acquisto è stato formalizzato un paio di settimane fa, dopo un anno di collette interne.

La struttura si estenderà su 400 metri quadrati: il piano terra sarà riservato alla preghiera, mentre al primo piano ci saranno le aule per i bambini. Rimarrà invece in capo all'attuale proprietario l'altra metà dell'edificio. Prima di dire addio al centro di via Cavour, però, ci vorrà ancora parecchio. I rappresentanti della comunità islamica stimano tra i 12 e i 36 mesi, a seconda del tempo che occorrerà per le pratiche burocratiche e i successivi lavori all'ex Petit Chateau. La scelta della comunità islamica è caduta sull'edificio di via Mazzini per lo spazio che avranno a disposizione: il locale di via Cavour non è abbastanza ampio per accogliere tutti, soprattutto durante la preghiera del venerdì, quella più frequentata, quando arrivano anche i fedeli di Pozzolo e Basaluzzo.
14/11/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi