Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

2019, arriva il Giro d'Italia: un omaggio ai cento anni di Coppi

L'anno prossimo sembra certo l'arrivo di una tappa della corsa rosa a Novi Ligure, in concomitanza con il centesimo anniversario della nascita del campionissimo Fausto Coppi. Sarà la quarta volta nella storia
NOVI LIGURE – Sembra proprio essere arrivata l’ufficialità sulla data in cui arriverà a Novi Ligure il Giro d’Italia 2019, ma tutte le indiscrezioni che trapelano dalla sede centrale dell’organizzazione vanno prese con le dovute cautele in quanto fino alla presentazione della corsa fissata per fine ottobre nulla è ancora certo a parte la partenza l’11 maggio da Bologna e l’arrivo il 2 giugno a Verona. La proteste di Novi Ligure per essere stata completamente ignorata dal percorso del Giro del Centenario con l’arrivo nella vicina Tortona e le richieste di onorare il duplice anniversario ciclistico che l’anno prossimo festeggerà la “Città dei Campionissimi” con il centenario della nascita di Fausto Coppi e della prima vittoria nella gara a tappe di Costante Girardengo sono così state ascoltate.

Per Novi Ligure sarebbe una “quarta volta” come sede di un arrivo di tappa: la prima fu nel 1965 quando i corridori partiti da Milano dopo un centinaio di chilometri videro trionfare Danilo Grassi, la seconda nel 1978 quando Rik Van Linden chiuse davanti a tutti la Saint Vincent-Novi, l’ultima meno di dieci anni fa quando Pineau superò con uno sprint finale l’altro francese Fouchard e arrivò primo al termine della Novara-Novi nell’anno in cui il giro venne vinto per l’ultima volta in carriera da Ivan Basso.

Girano ora due possibili versioni: una vuole l’arrivo a Novi da Pinerolo in una tappa domenicale prima di un giorno di riposo per permettere così a tutta la carovana di rendere omaggio alla memoria di entrambi i corridori e di visitare i luoghi dove la leggenda di Coppi ebbe inizio, l’altra vede un progetto più articolato con la possibilità di un arrivo a Novi il 23 maggio – un giovedì, da cui la difficile compatibilità con l’ipotesi precedente – di una tappa pianeggiante con Mantova come possibile sede di partenza ed il giorno dopo il via da Casale o Acqui per raggiungere Cuneo e poi potere così celebrare con la giusta importanza il ritorno di una frazione di gara storica come la Cuneo-Pinerolo.
Fu proprio durante quella tappa nel 1949 che Fausto Coppi distanziò tutti con distacchi da capogiro – basti pensare che il secondo classificato, Gino Bartali, arrivò con oltre undici minuti di ritardo – e riprese la maglia rosa che poi non mollò più fino al traguardo finale di Monza due giorni dopo.

L’arrivo della corsa a Novi Ligure risarcisce almeno simbolicamente la città dopo che negli ultimi due anni il Giro maschile e quello femminile avevano fatto tappa a Tortona ed Ovada, e rimette al giusto posto nel panorama ciclistico nazionale ed internazionale un paese ed una zona dove il ciclismo è sempre stato protagonista. Se infatti già Costante Girardengo aveva segnato in maniera indelebile nel cuore degli appassionati il nome di Novi Ligure con i suoi due Giri D’Italia vinti nel 1919 e nel 1923, i nove titoli italiani su strada, l’argento ai mondiali del 1927 e le sei edizioni della Milano-Sanremo dal 1918 al 1928 che rimasero un record per oltre cinquant’anni quando venne battuto da Eddy Merckx e la nascita del termine “Campionissimo” che poi fu appellativo anche di Fausto Coppi, fu proprio con il campione di Castellania che la fama del ciclismo novese si sparse per tutto il mondo. L’arrivo a Novi il prossimo anno omaggia così il centenario della nascita di un atleta che tutt’oggi è il primatista di vittorie al Giro D’Italia – cinque dal 1940 al 1953, a pari merito con Binda e Merckx – e che trionfò anche fra le altre in due Tour De France, cinque Giri di Lombardia, tre Milano-Sanremo e fu campione del mondo ad inseguimento due volte nel 1947 e 1949 e professionisti nel 1953 prima di morire troppo presto ad appena quarantun anni per i postumi della malaria nell’ospedale di Tortona.

Foto: Csain Piemonte.
12/09/2018
Marco Gotta - sport@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!