Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

“Another Point of View”: Beppe Di Benedetto 5tet per la Giornata mondiale del Jazz

Lunedì 30 aprile nella sede di Cultura e Sviluppo il concerto della rassegna Red Note. Il Beppe Di Benedetto 5tet presenterà l'ultima registrazione
ALESSANDRIA - Lunedì 30 aprile alle 21 nella sede dell'Associazione Cultura e Sviluppo (piazza Fabrizio De Andrè 76) si terrà il concerto della rassegna Red Note in occasione della Giornata mondiale del Jazz. Il Beppe Di Benedetto 5tet, composto da Beppe Di Benedetto al trombone e all'euphonium, Massimiliano Milesi al sax tenore e soprano, Luca Savazzi al pianoforte, Stefano Carrara al contrabbasso e Michele Morari alla batteria, presenterà l'ultima registrazione, Another Point Of View.

Già dal titolo si capisce la linea programmatica della musica che il quintetto propone: un jazz che ha solide radici nella tradizione e che si arricchisce di tutta l’esperienza europea e mediterranea. Another Point Of View rappresenta la ricerca nella musica e nella vita di tutti i giorni di un altro punto di vista, rappresenta la rottura con la routine e la ricerca di nuove strade da percorrere, strade non tracciate ma da esplorare nell’infinito che ci circonda. Un altro punto di vista non vuole essere uno strappo con il passato, al contrario vuole inserire al centro del discorso gli elementi che la storia e i grandi maestri ci hanno lasciato. La ricerca costante della melodia, delle forme aperte e in divenire, la polifonia classica che penetra nel jazz aggiungendo colore alla ricerca stilistica, il costante interplay: sono questi gli elementi ricorrenti di questo nuovo progetto.

In questi ultimi anni di concerti, studio, prove, discorsi, ascolti e influenze di tanta musica, il suono del quintetto - pur rimanendo riconducibile al colore maturato con See The Sky - si è progressivamente evoluto attraverso un'altra via di comunicazione, quella delle sonorità prodotteoggi nel mondo, mantenendo comunque un piede fermo nella grande tradizione della musica afro americana. La storia musicale del Beppe Di Benedetto 5tet ha avuto inizio circa 10 anni fa. Fin dal primo incontro l’obiettivo del gruppo è stato quello di confrontarsi con la musica originale - scritta prevalentemente dal bandleader - valorizzando il linguaggio solistico e interpretativo dei singoli componenti attraverso una consapevole attenzione per le sonorità del jazz contemporaneo.

Il concerto ha il patrocinio del Club Unesco di Alessandria. Red Note è un evento in compartecipazione con il Comune di Alessandria e si svolge grazie al sostegno della Fondazione SociAl, della Fondazione Crt, della Fondazione Cr Alessandria e rientra nell'ambito del festival diffuso “Piemonte Jazz Festival” e del “Festival Identità e territorio”.


(foto di Roberto Ugolotti)
27/04/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Fondazione SociAL


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre