Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Terzo settore minacciato, i volontari scrivono al Governo: "Salviamo il non profit"

Lettera aperta di trentacinque associazioni di Alessandria e Asti per chiedere regole precise sul terzo settore, 'annacquato' da interpretazioni e concessioni allargate, "a scapito del volontariato". Dal 5x1000 alle competenze regionali, ecco le riforme che non piacciono.
ALESSANDRIA - Trentacinque associazioni di volontariato delle province di Alessandria e Asti hanno sottoscritto ad una lettera aperta sul terzo settore per difendere il volontariato, secondo loro minacciato dai decreti attuativi della legge sul terzo settore (la 106 del 2016) che "rischiano di indebolire pesantemente i principi cardine: la gratuità e la democrazia partecipativa".

Ecco le priorità per il Coordinamento Volontariato e “Terzo settore”: "Il Codice e il Registro nazionale del Terzo settore devono comprendere realmente solo chi è “non profit”, escludendo chi opera più o meno velatamente per obiettivi di profitto; il Consiglio Nazionale del Terzo debba avere solo un ruolo di forum e non veda prevalere cooperative sociali e imprese sociali rispetto al volontariato; il volontariato organizzato resti centrale rispetto al volontariato individuale".

In più, le associazioni chiedono che siano sempre le Regioni competenti in materia: "I Centri servizio per il volontariato restino solo al servizio del volontariato e non di tutto il terzo settore".

Infine, rispetto alla destinazione del 5x1000 si chiede che vengano limitati i settori che ne possono beneficiare, come è avvenuto in questi anni "a scapito del volontariato".


Il Coordinamento è formato da:

Anffas (Ovada), Anolf (Alessandria), Anteas (Alessandria), A.P.R.I. (Asti), Aruanà (Casorzo), Assefa (Alessandria), Associazione Clown Marameo (Alessandria), Associazione per la pace e la nonviolenza (Alessandria), Associazione promozione volontariato alessandrino Aprova (Alessandria), Associazione Vela (Ovada), Avis (Alessandria), Cav (Casale Monferrato), Centro per la pace e la nonviolenza Rachel Corrie (Ovada), Cittadinanzattiva (Alessandria), Comitato autoconvocazione del volontariato 4.0 (Torino), Eta Beta (Alessandria), Gruppo volontariato assistenza handicappati GVA (Acqui Terme), L’abbraccio (Fubine), Lida (Asti), Monferrato soccorso P.A. Croce Bianca (Casale Monferrato), Movimento per la vita (Casale Monferrato), Pro Natura (Alessandria), Vedrai…(Ovada). 
Nuove adesioni: Aiutaci ad Aiutare (Ovada), Anffas (Casale Monferrato), Associazione Enrico Cucchi (Tortona), Banco di solidarietà Galeazzi (Asti), CAV (Novi Ligure), Il Porcospino (Gamalero), Lessico familiare (Alessandria), Museo etnografico Gambarina (Alessandria), Nonsologatti (Casale Monferrato), Rifrancalcore (Refrancore), Tempi di Fraternità (Asti).

12/03/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone
Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone
Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Cos'è Rugbytots?
Cos'è Rugbytots?
Pro Piacenza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Pro Piacenza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Sentiero 537: da Acqui Terme al borgo di Cavatore
Sentiero 537: da Acqui Terme al borgo di Cavatore
Presentati i nuovi autobus di Amag Mobilità
Presentati i nuovi autobus di Amag Mobilità