Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lettere al direttore

Si aboliscano le prefetture

Contro la soppressione dei piccoli Comuni piemontesi una proposta di Gioventura Piemontèisa in piazza con i Sindaci
Più di un Comune su tre sotto i 1000 abitanti è in Piemonte (37%). Con l’attuazione del decreto presentato dal Governo sparirebbe la metà dei Comuni piemontesi (il 49,5%). Secondo il Movimento Gioventura Piemontèisa è in atto un subdolo tentativo di intimidazione dei nostri amministratori comunali per fare in modo che, di fronte allo spauracchio di una soppressione imposta da Roma, decidano essi stessi l’eutanasia dei propri Municipi.
La minaccia di fare sparire metà dei Comuni del Piemonte è un attacco diretto alla nostra storia e alla nostra cultura, l’ennesimo tentativo di assimilare la nostra gente a modelli ad essa estranei per cancellare progressivamente la nostra identità di popolo e di comunità, come già avvenne nel fascismo furono soppressi quasi 300 Comuni piemontesi - dei quali più di 250 non vennero più ricostituiti.
Gioventura Piemontèisa, presente in delegazione in piazza Castello, rimarcando come l’abolizione dei piccoli Comuni non porterebbe alcun contributo al risanamento dei conti pubblici, ha proposto ai Comuni piemontesi un’iniziativa concreta rivolta all’abolizione delle prefetture in Piemonte. Nell’àmbito del processo evolutivo verso un assetto federale dello Stato, le loro funzioni dovranno essere trasferite alla Regione (come già avviene in Valle d’Aosta), in nome della peculiarità storica, linguistica e culturale del Piemonte.
Le prefetture, comunque la si pensi, sono un organo nominato e non eletto democraticamente  e sono la longa manus del centralismo in Piemonte. La presenza delle prefetture mortifica l’autonomia della Comunità piemontese e va contro le ripetute proposte di decentramento e di federalismo.
Occorre ricordare che nel 2007 una proposta di legge elaborata da Gioventura Piemontèisa per il riconoscimento della lingua piemontese poté essere presentata perché fatta propria da oltre 200 Comuni, fra i quali parecchi sotto i 1000 abitanti.
Difendere l’autonomia dei piccoli Comuni piemontesi significa difendere la nostra storia, la nostra identità e le istanze democratiche di chi vive sul territorio.
___________________________________________________________

PER INFORMAZIONI:  328 1292172 – 011 7610228 - giovpiem@yahoo.it
Gioventura Piemontèisa
Via San Secondo 7 bis - 10128 Torino
www.gioventurapiemonteisa.net
22/08/2011
Gioventura Piemontèisa - giovpiem@yahoo.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


I ciclisti non sono cittadini di serie B, chiedono gli stessi diritti di tutti gli utenti della strada
I ciclisti non sono cittadini di serie B, chiedono gli stessi diritti di tutti gli utenti della strada
Alessandria-Pro Piacenza 1-0. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Pro Piacenza 1-0. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Pontedera 5-1. Il dopo gara
Alessandria-Pontedera 5-1. Il dopo gara
Le bici di Coppi: la presentazione
Le bici di Coppi: la presentazione
Città sporca e in ritardo sulla differenziata: pronti a rivedere le nostre strategie
Città sporca e in ritardo sulla differenziata: pronti a rivedere le nostre strategie
L’incontro dell’Ambasciatore della Somalia a conclusione della staffetta podistica
L’incontro dell’Ambasciatore della Somalia a conclusione della staffetta podistica
Posate sette pietre d’inciampo a ricordo degli alessandrini deportati nei lager
Posate sette pietre d’inciampo a ricordo degli alessandrini deportati nei lager
Visita tra il gelo e il freddo del Rifugio Cascina Rosa
Visita tra il gelo e il freddo del Rifugio Cascina Rosa
Visita al Gattile Sanitario in Alessandria
Visita al Gattile Sanitario in Alessandria
La mia Cittadella
La mia Cittadella