Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lettere

Ciao Cristina

All'indomani dell'8 marzo, giornata che ci ha viste impegnate nelle riuscitissime iniziative promosse dal collettivo Non Una Di Meno, vogliamo dedicare un pensiero a Cristina Pesce, amica e sostenitrice del Centro Antiviolenza me.dea Onlus. Siamo scese in piazza anche per lei
Ciao Cristina,

te ne sei andata con delicatezza e con quell’eleganza che ha segnato tutta la tua vita. Alle persone che erano al tuo fianco in quelle ore, hai detto di non preoccuparsi, perché te ne andavi serena. Eppure la vita con te, spesso, non è stata affatto gentile.  Ne avresti avuti di motivi validi per arrabbiarti e urlare, invece, hai sempre mantenuto un garbo e un altruismo fuori dal comune.  E hai combattuto, carica com’eri di quella determinazione che lasciavi affiorare solo con le persone davvero vicine.

Amavi i viaggi e spesso partivi anche da sola, perché la solitudine non ti faceva paura.  Ti appassionavano l’arte e la moda, quante mostre hai visitato con l’inseparabile amica Mimma. E ti entusiasmavano le battaglie civili e per i diritti delle donne. Non sarà stata casuale la scelta dello pseudonimo “Eva Kant” sui tuoi profili social, esempio di eroina forte e “complice”.

Sei stata tra le prime a sostenere il progetto di un Centro Antiviolenza in città e quando me.dea è nata hai iniziato a sostenerla, con gli strumenti che ti appartenevano di più: l’organizzazione di eventi pubblici, in particolare sfilate di moda, le “Grazie” d’estate e d’inverno, momenti “leggeri” in cui riuscivi a offrire preziose occasioni di riflessione su un tema così doloroso e così trasversale, come la violenza contro le donne.
In fondo era un po’ questo il tuo stile: non prendersi troppo sul serio, ma fare sempre le cose bene e con il sorriso.

Ci mancherà quel volto sorridente, sotto una cascata di capelli irriverenti, ma resterà impresso nei nostri cuori insieme alla tua gentilezza, di cui faremo tesoro nelle sfide della vita, alla tua sete di cultura, monito a migliorarci sempre e apprendere cose nuove, e al tuo grande affetto per me.dea, dimostrato fino all’ultimo.

Grazie di tutto Cri.
Buon viaggio.
13/03/2017
Le amiche di me.dea - redazione@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione