Sei in: AlessandriaNews / Focus / Non lasciatevi influenzare - 15/09/2012
Sanità

Non lasciatevi influenzare

Per l'epidemiologo Vittorio Demicheli “nessuno può seriamente prevedere come sarà la prossima stagione influenzale. Accrescere inutilmente la paura e le preoccupazioni per nuovi possibili flagelli fa solo aumentare la diffidenza verso i vaccini e le raccomandazioni delle istituzioni sanitarie”
Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
Come ogni anno, sul finire dell'estate, senza nemmeno attendere i primi freddi, i giornali si sono riempiti di articoli sull'influenza e numerosi esperti si cimentano ora in previsioni sulle caratteristiche della prossima stagione influenzale. Le notizie che giungono dal convegno dei microbiologi seguono la logica induttiva: siccome i virus presenti nel vaccino raccomandato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità per la stagione 2012-2013 sono un po' diversi da quelli degli anni scorsi, allora la nuova influenza sarà diversa e certamente più “cattiva” di quella vecchia. Il ragionamento è fondato sul fatto che, da un anno all'altro, nel sistema di difesa immunitaria degli uomini (un complesso di organi e funzioni preposto a difenderci dalle aggressioni esterne) resta il “ricordo” dei virus passati. Da qui l'ipotesi che l'arrivo di virus nuovi, trovando soggetti impreparati e indifesi, possa causare più danni del solito.

Vediamo di capire meglio la questione. L'influenza è una malattia estremamente contagiosa e, ancora oggi, su scala mondiale, rappresenta una delle più diffuse malattie infettive dell'uomo. La sua trasmissione avviene da soggetti malati attraverso le vie respiratorie (tosse, starnuti, ecc.). Il quadro clinico dell'influenza è caratterizzato da un brusco rialzo della temperatura corporea, che può raggiungere i 39-40 °C, accompagnato da spossatezza, cefalea, dolori muscolari e articolari. Successivamente compaiono i sintomi tipici delle infezioni alle vie respiratorie, quali rinite, tosse e mal di gola. Questi sintomi non sono esclusivi dell'influenza e possono essere causati da una grande quantità di virus diversi: i virus influenzali (che sono quelli con una spiccata tendenza a modificare continuamente le loro caratteristiche) e numerosi altri di tipo respiratorio. Un sistema internazionale di sorveglianza continuamente segnala le caratteristiche dei virus influenzali circolanti durante la stagione invernale di un emisfero del mondo per suggerire la composizione del vaccino per la stagione influenzale che sta arrivando nell'altro emisfero.

Effettivamente quest'anno i virus circolanti sono stati un po' differenti ma è molto difficile stabilire se alle nostre latitudini arriveranno proprio gli stessi che hanno già circolato dall'altra parte del mondo e, soprattutto, non è assolutamente certo che questi virus siano più temibili di quelli passati. Per prevedere la loro pericolosità non bisognerebbe guardare tanto alla loro virologia (le loro caratteristiche di laboratorio) ma apprezzare la loro epidemiologia (cioè la loro diffusione e l'impatto sanitario che hanno prodotto nella popolazione colpita). Come per ogni malattia infettiva, anche il comportamento epidemiologico dell'influenza è il risultato di tre diversi fattori: un agente (il virus, che può essere più o meno aggressivo) un ospite (l'uomo, che può essere più o meno difeso) e l'ambiente (che può favorire o sfavorire il contatto tra agente e ospite).

Se guardiamo all'epidemiologia dell'influenza negli ultimi 20 anni vediamo che sia la diffusione sia la gravità di questa malattia sono di molto attenuate. Nelle annate peggiori (tra queste proprio l'anno scorso) l'influenza ha costretto complessivamente a letto poco più del 10% della popolazione e nella settimana di massima incidenza i malati non hanno superato l'1%. Niente a che vedere con le grandi epidemie del primo dopoguerra quando intere fabbriche e uffici erano costretti a chiudere per la malattia. Eppure in questi anni i nuovi virus sono stati tanti, ci sono state addirittura due pandemie (con diffusione planetaria di virus totalmente nuovi che avrebbero dovuto trovare impreparata gran parte della popolazione mondiale) e anche i soggetti colpiti non sono sempre gli stessi (attualmente, ad esempio, sono maggiormente interessati i bambini).

Allora perché l'influenza si presenta sempre meno grave? Probabilmente l'arrivo di nuovi virus, più o meno aggressivi, ha trovato popolazioni sempre più difese (perché lo stato di salute è molto migliorato nel corso degli anni per via della miglior alimentazione e delle migliori condizioni di vita è perché i gruppi più fragili vengono protetti con la vaccinazione). Inoltre l'ambiente è diventato sempre più ostile alla diffusione dei virus (le nostre case sono molto più pulite e meglio riscaldate di quelle dei nostri nonni). Quindi, pensando alla prossima stagione influenzale, è ragionevole dire che è possibile che giunga una variante virale nuova e più aggressiva ma è molto probabile che questo virus trovi una popolazione di ospiti in grado, nella maggior parte dei casi, di superare la malattia senza troppi problemi.

Che fare allora? Aspettando di scoprire come saranno i nuovi virus influenzali (sul cui comportamento possiamo fare ben poco) rammentiamo le regole da seguire (che invece dipendono completamente da noi) per migliorare le nostre difese contro i virus respiratori:
  • evitare il super lavoro e non privarsi del sonno, perché lo stress abbassa le difese.
  • mangiare in modo sano e regolare (abbondando con frutta e verdura) e praticare attività fisica costante (ai nostri anticorpi basta già una passeggiata quotidiana per essere in piena efficienza).
  • chiedere consiglio al proprio medico circa la necessita o l'opportunità di vaccinarsi (anche quest'anno la vaccinazione sarà offerta gratuitamente a tutte le persone oltre 65 anni e ai soggetti che, per le loro condizioni di salute, possono andare incontro a particolare rischio di complicazione).
Quando poi inizierà la stagione e si verificheranno i primi casi ci saranno altre regole da osservare:
  • stare in casa se si è malati! Serve per guarire prima (i virus non amano il caldo) e a non diffondere la malattia (che si trasmette dai malati ai sani)
  • evitare (se possibile) contatti troppo stretti coi malati
  • lavarsi spesso le mani (dopo gli starnuti, prima e dopo aver mangiato o cucinato, sempre dopo l'uso dei servizi igienici)
  • coprirsi la bocca o il naso quando si starnutisce
  • non fumare (i fumatori contraggono più frequentemente l'influenza e vanno incontro a maggior complicazioni e mortalità) ed evitare gli ambienti fumosi
  • i soggetti ad alto rischio dovrebbero poi (nei momenti di diffusione dei virus) evitare gli ambienti troppo affollati (mezzi e luoghi pubblici nelle ore di punta) dove maggiore è la probabilità di contagio.
Concludendo: nessuno può seriamente prevedere come sarà la prossima stagione influenzale. Accrescere inutilmente la paura e le preoccupazioni per nuovi possibili flagelli non serve a nulla, fa solo aumentare la diffidenza verso i vaccini e verso le raccomandazioni delle istituzioni sanitarie. Meglio guardare all'influenza per quello che è: un male di stagione che, fortunatamente, sta diventando sempre meno grave e contro il quale è possibile difendersi seguendo alcune semplici regole che, oltretutto, contribuiscono, in generale, a vivere meglio.
15/09/2012
Vittorio Demicheli - Responsabile Epidemiologia AslAl - redazione@alessandrianews.it


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Päis bene di tutti: i luoghi del bello, del brutto e dell'impegno

Lu Monferrato | Il giornale "al Päis d’Lü" si è fatto promotore dell’iniziativa “Päis Bene di Tutti”. Il progetto si pone l'obiettivo quello di individuare quei luoghi che più di altri avrebbero bisogno di attenzione ed intervento. A questo fine è stata realizzata una raccolta dati attraverso un semplice questionario distribuito in cartaceo e online

Il coraggio dell'amore

Alessandria | Nuovi modelli e diritti della famiglia nel convegno promosso da Tessere le Identità presso Cultura e Sviluppo

Il gel che ripara le ferite: gli studi del Disit

Università | Lo studio dei meccanismi di base della riparazione di una ferita da parte delle cellule della pelle: i risultati del gruppo di ricerca coordinato dal professor Mauro Patrone pubblicati su diverse riviste scientifiche internazionali

Televisione: spaccato dell'identità sociale di un Paese e di un'epoca

Focus | La sintesi dell'incontro dei Giovedì Culturali con Carlo Freccero

Viroli: libertà politica e coscienza civile

Focus | La sintesi del Giovedì Culturale dell'associazione Cultura e Sviluppo con il professor Maurizio Viroli dell'Università di Princeton

Multimedia

  • FN Fabbricazioni Nucleari: Senza ricerca non c'è futuro

    FN Fabbricazioni Nucleari: Senza ricerca non c'è futuro

  • Floreale 2014

    Floreale 2014

  • Che ne sai tu di un campo di grano?

    Che ne sai tu di un campo di grano?

  • 16esimo congresso Feneal Uil

    16esimo congresso Feneal Uil

  • StrAlessandria: Intervento del Sindaco Rita Rossa

    StrAlessandria: Intervento del Sindaco Rita Rossa

  • Mauro Cattaneo, Assessore, sulla StrAlessandria

    Mauro Cattaneo, Assessore, sulla StrAlessandria

  • La Parigi Roubaix dei ciclisti alessandrini

    La Parigi Roubaix dei ciclisti alessandrini

  • 4Square Day: caccia al tesoro per le vie di Alessandria

    4Square Day: caccia al tesoro per le vie di Alessandria

  • Housing sociale - Don Bosco

    Housing sociale - Don Bosco

  • Inaugurato ufficialmente lo sportello stranieri del Comune

    Inaugurato ufficialmente lo sportello stranieri del Comune

  • Il sindaco Rossa incontra gli ambulanti in piazza Ceriana

    Il sindaco Rossa incontra gli ambulanti in piazza Ceriana

  • Il sindaco Rita Rossa incontra gli ambulanti di piazza Ceriana

    Il sindaco Rita Rossa incontra gli ambulanti di piazza Ceriana

  • E tu? Cosa Stra!fai ?

    E tu? Cosa Stra!fai ?

  • StrAlessandria 2014 - Stra!fai ...

    StrAlessandria 2014 - Stra!fai ...

  • StrAlessandria e StraRagazzi a Librinfesta

    StrAlessandria e StraRagazzi a Librinfesta

Seguici su...
Facebook Twitter Flickr YouTube