Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Editoriale

Smart istituzioni per Smart cittadini

Carpooling, bike sharing, coworking, fablab. L’innovazione è ormai parte della nostra vita di cittadini, anche qui in periferia. Ma siamo sempre pronti ad utilizzarla al meglio? Ci vogliono istituzioni preparate e soluzioni compatibili con le abitudini locali. Altrove ha funzionato, perché non dovrebbe da noi?
EDITORIALE - App per pagare i parcheggi. Portali per scaricare atti amministrativi. Card per i servizi al cittadino. Geolocalizzazione delle offerte commerciali nei negozi del centro. Carpooling, bike sharing, coworking, fablab. L’innovazione è ormai parte della nostra vita di cittadini, anche qui in periferia. Ma siamo sempre pronti ad utilizzarla al meglio? In alcuni casi, l’impressione è che alcune operazioni siano un po’ forzate. Non si possono introdurre innovazioni newyorkesi dove il contesto di abitudini dei cittadini è ancora un po’ arretrato. Non si costruisce il ponte sullo Stretto di Messina quando le regioni che si vanno ad unire hanno ancora problemi a coprire il territorio con l’acqua corrente. Questo non deve essere un motivo per fermarsi ma, piuttosto, per selezionarle in base al nostro contesto anagrafico, economico, di abitudini e stili di vita. Per questa ragione, è necessario che, a partire dai ruoli politici, le nostre amministrazioni siano culturalmente e tecnicamente preparate per non prendere abbagli in un mercato, quello dell’innovazione, che corre più di qualunque altro. Esistono poi alcune innovazioni che non riguardano la tecnologia ma che consentono di risolvere semplicemente piccoli problemi quotidiani: il “Pedo-bus”, cordate di bambini per fare il tragitto casa/scuola seguiti da qualche genitore/volontario, è stato bloccato per difficoltà assicurative. In questo caso il ruolo degli enti è quello di trovare le strade burocratiche per consentirle. In altri contesti la sigla “smart” ha portato risparmi e miglioramenti tangibili nella qualità della vita. Perché da noi non dovrebbe succedere?


[Vai in edicola e chiedi “AlessandriaNews e Sport”; in questo numero parliamo di Smart City e di tutta quell’innovazione che potrebbe aiutarci a vivere meglio. Siamo pronti? Inoltra pariamo di distretto orafo valenzano che si rilancia, di quartieri che adottano soluzioni per la sicurezza e di tanti altri argomenti di approfondimento provinciale. Oltre, come al solito, a tutti gli aggiornamenti del calcio del fine settimana.
Clicca qui per scoprirli
3/04/2017
Alessio Del Sarto - direttore@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione