Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Editoriale

Ma la nostra è una sana sanità?

Non ci troviamo in un qualche Paese privo di assistenza pubblica e spesso la sanità italiana è citata come una di quelle che funzionano per il cittadino. Il sospetto, però, che qualche risorsa possa essere gestita meglio c’è. E grande. Il nostro gruppo editoriale ha deciso di affrontare nel dettaglio alcuni aspetti che riguardano i servizi sanitari sul nostro territorio. Seguiteci
EDITORIALE – Una disavventura in pronto soccorso. Un soggiorno in qualche reparto d’ospedale rivelatosi più turbolento del previsto. Una visita specialistica prenotata in clinica per salvarsi dai mesi d’attesa a cui spesso ci costringe il servizio sanitario. A tutti è capitato di vivere, personalmente o in famiglia, qualche problema legato ai servizi alla salute. Non ci troviamo in un qualche Paese privo di assistenza pubblica e, a dirla tutta, spesso la sanità italiana è citata come una di quelle che funzionano per il cittadino. Il sospetto che qualche risorsa possa essere gestita meglio, che qualche spreco (per non dire ruberia) sia ormai incancrenito nel sistema e che ci siano margini per migliorare, tuttavia c’è. Inoltre nasce qualche sospetto in più quando il sistema politico, quello intorno alla sanità, si trova spesso troppo vicino agli interessi di quei privati che “se ne approfittano” e troppo lontano da quello dei cittadini e dei malati.

Il nostro gruppo editoriale ha deciso di affrontare nel dettaglio alcuni aspetti che riguardano i servizi sanitari sul nostro territorio e, già in questi primi accenni d’inchiesta, le magagne, anche grosse, non tardano a venire fuori: appalti sospetti con sperpero di risorse che potevano essere risparmiate tout court o reinveste in altri settori più sofferenti del sistema. Proveremo a portare alla luce gli interrogativi più grandi sulla gestione di questo importante comparto di spesa pubblica, nell’interesse del cittadino e nella speranza che un piccolo contributo possa cambiare in meglio qualcosa. Seguiteci.

[Vai in edicola e chiedi “AlessandriaNews e Sport”; in questo numero affrontiamo un aspetto delicato del nostro sistema sanitario provinciale: la sterilizzazione dei ferri chirurgici su cui abbiamo qualche dubbio e qualche domanda. Inoltre, prendiamo in esame i pro e i contro di vivere nei sobborghi delle città della provincia. Sono tanti gli altri argomenti di approfondimento alessandrino e provinciale, oltre che tutti gli aggiornamenti del calcio del fine settimana. Clicca qui per scoprirli]

6/02/2017
Alessio Del Sarto - direttore@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione