Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Finanziamenti Regionali

Dalla Regione un sostegno alla sviluppo del welfare di prossimità

La Misura finanziata dal bando Wecare, è denominata “Sperimentazione di azioni innovative di welfare territoriale”
FINANZIAMENTI REGIONALI - La strategia Wecare prevede un set di diverse misure di sostegno all’innovazione sociale, con l'intento di implementare processi di innovazione nell'ambito della rete dei servizi sociali, migliorare la governance locale, stimolare la collaborazione tra soggetti pubblici, enti del terzo settore ed imprese, sostenere lo sviluppo di progetti di imprenditorialità a vocazione sociale e di welfare aziendale.
Le misure si fondano su una visione che pone la centralità del sistema sulla persona, individuo facente parte di una rete di relazioni, piuttosto che sulla semplice suddivisione per tipologia di servizi necessari per categorie omogenee. La finalità è quella di stimolare lo sviluppo di un sistema nel quale ciascuno possa creare relazioni positive con altri individui o comunità, per migliorare il proprio benessere e al tempo stesso realizzare un ambiente capace di offrire a tutti sostegno nella quotidianità.

La Misura finanziata dal presente bando, è denominata “Sperimentazione di azioni innovative di welfare territoriale” (Classif. POR Fse : II.9.v.9.1.01).

Obiettivo della misura è di contribuire a sviluppare un welfare di prossimità, sostenendo sperimentazioni di innovazione sociale che sappiano valorizzare le connessioni territoriali espresse dai "Distretti della Coesione Sociale", per rendere così maggiormente incisiva e stabile l’innovazione sociale prodotta.
La misura mira a concepire le politiche sociali non esclusivamente come risposta emergenziale ai bisogni espressi dalla collettività, ma anche come la creazione di un processo di innovazione che consenta di generare un cambiamento nelle relazioni sociali e risponda a nuovi bisogni ancora non soddisfatti dal mercato o crei risposte più soddisfacenti a bisogni esistenti.
I bisogni sociali emergenti hanno infatti necessità di essere affrontati con logiche, soluzioni e strumenti innovativi, che sappiano sfruttare le opportunità derivanti da nuovi modelli economici, dalla disponibilità di nuove tecnologie e dall'interazione e dalla contaminazione tra soggetti differenti con competenze differenti, in un'ottica di open innovation.
Il cambio di paradigma proposto intende promuovere un welfare in grado di concorrere, al pari di altri asset territoriali, a determinare i fattori di crescita e di sviluppo del territorio, avviando un insieme di iniziative volte a mettere a punto nuove modalità per intervenire su bisogni emergenti o non efficacemente affrontati.
L'azione intende stimolare la sperimentazione di innovazioni sociali nella gestione dei servizi territoriali, che sappiano dimostrare sostenibilità, integrazione e scalabilità nell'amministrazione ordinaria dei servizi.

Sono destinatari degli interventi previsti dal presente bando gli utenti dei servizi socio assistenziali erogati nel contesto dei Distretti della Coesione Sociale e dei servizi erogati dagli enti di Terzo Settore partecipanti all’iniziativa e, più in generale, tutte le persone residenti in Regione Piemonte che possono divenire utilizzatori dei servizi attivati.

Sono beneficiari dei contributi le Associazioni Temporanee di Scopo (ATS), già costituite o costituende, composte obbligatoriamente dai soggetti pubblici e privati di seguito indicati:
• gli Enti Gestori delle funzioni socio-assistenziali afferenti al medesimo Distretto della Coesione Sociale di cui alla D.G.R. 29-3257 del 9 maggio 2016 (Ambiti Territoriali SIA);
• 1 o più Enti del terzo settore e/o associazioni di volontariato con sede sul territorio piemontese.
Oltre ai soggetti sopra riportati, possono far parte dell’ATS altri soggetti pubblici quali:
Comuni, Unioni di Comuni o altre forme associative, ASL (elenco riportato a titolo puramente esemplificativo e non esaustivo), con sede nel territorio piemontese.
Il capofila dell’ATS deve essere un Ente Gestore delle funzioni socio-assistenziali e svolge le funzioni di rappresentanza tecnica-amministrativa, raccordo e collaborazione interistituzionale nel/nei Distretto/i della Coesione Sociale di riferimento e nell’ATS.
Gli operatori privati che partecipano alle ATS devono essere selezionati dal capofila, attraverso le opportune procedure di selezione pubblica. A tal fine il capofila si avvale del supporto del servizio di accompagnamento, individuato dalla Regione Piemonte con specifico bando.

La candidatura dei progetti deve rispettare i seguenti requisiti:
• ciascun soggetto del terzo settore o associazione di volontariato può partecipare ad un massimo di due progetti;
• ciascun Ente Gestore di un Distretto della Coesione Sociale può partecipare, sia in qualità di capofila che di mandante, ad una sola ATS;
• ogni ATS può presentare un solo progetto. E’ auspicabile la partecipazione di ATS composte da più Distretti della Coesione Sociale.
• I soggetti pubblici con costituzione territoriale - Comuni, Unioni di Comuni o altre forme associative, ASL - non possono aderire ad ATS non afferenti il proprio territorio d’elezione.

La presentazione delle candidature avverrà in due fasi distinte:
1) Presentazione del Progetto Preliminare;
2) Presentazione del Progetto Definitivo.
Per lo sviluppo del Progetto Definitivo i raggruppamenti (costituendi o già costituiti) si avvarranno del supporto dei soggetti individuati dalla Regione con la procedura di selezione di un “Servizio di accompagnamento per la definizione di progetti di innovazione sociale – Fase 1” (CIG: 7142395ACD).
I soggetti i cui Progetti Preliminari saranno ammessi alla seconda fase si impegnano a partecipare attivamente alle attività proposte dal Servizio di accompagnamento.

SCADENZA presentazione progetto preliminare: 20/12/2017

TITOLO BANDO SPERIMENTAZIONE DI AZIONI INNOVATIVE DI WELFARE TERRITORIALE
In attuazione dell’Atto di indirizzo di cui alla D.G.R. n. 22-5076 del 22/05/2017

per info sul bando, testo originale e allegati
http://www.regione.piemonte.it/bandipiemonte/cms/finanziamenti/bando-sperimentazione-di-azioni-innovative-di-welfare-territoriale

per info: 
LAMORO scarl 
via Leopardi, 4 - Asti 
info@lamoro.it 
0141-532516  
28/11/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa